Comune apre: disabili, saranno aumentati stalli

Nel nuovo piano di dettaglio per il centro storico saranno aumentati i posti auto per i disabili. Sono infatti in fase di valutazione i singoli casi degli stalli disabili personalizzati: la commissione competente ha infatti cominciato ieri (26 giugno) su richiesta del sindaco che ha anticipato di una settimana la convocazione (inizialmente era programmata per il 3 luglio), l’iter per la verifica, secondo i dettami previsti dal disciplinare, e proseguirà nei prossimi giorni per arrivare quanto prima alla definizione complessiva di tutti i permessi personalizzati finora rilasciati.

Questa richiesta è giunta dall’associazione Luccasenzabarriere – il cui presidente Domenico Passalacqua ha iniziato uno sciopero della fame ed è stato costretto anche a ricorrere alle cure del pronto soccorso – e ha trovato la disponibilità dell’amministrazione comunale nel procedere in questo senso. L’iter in corso richiede un po’ di tempo, visto che occorre esaminare caso per caso ogni singola situazione della persona con disabilità. La verifica riguarda solo gli stalli personalizzati, cioè quelli che devono essere utilizzati da una persona specifica, così come richiesto dall’associazione Luccasenzabarriere: una richiesta che l’amministrazione ha accolto subito, proprio perché il principale interesse è dare risposte e risolvere i problemi, senza creare o fomentare contrapposizioni. Non cambia quindi il numero degli stalli disabili in centro storico ma solo quello dei posti assegnati in modo nominativo per particolari motivi.
L’associazione Luccasenzabarriere però sta continuando a portare avanti la protesta, non sappiamo con quali conseguenze, viste le temperature, per la salute delle persone che sostano in via Santa Giustina: un’azione che l’amministrazione comunale definisce dannosa per quelle stesse persone, in alcuni casi anche disabili, oltre che superata, visto che il Comune è già al lavoro per fornire risposte alle istanze sollevate.
L’amministrazione comunale ricorda infine che attualmente le persone con disabilità possono parcheggiare ovunque: negli stalli gialli, negli stalli gialli per disabili, negli stalli blu e anche fuori dagli stalli, purché non intralcino gravemente la circolazione. Dopo il 3 luglio i risultati della Commissione saranno comunicati agli interessati. L’amministrazione nell’ambito della redazione del piano di dettaglio della sosta nel centro storico prevede l’aumento degli stalli dedicati ai disabili. Per questo motivo convocherà tutte le associazioni dei disabili, compresa Luccasenzabarriere, per costituire un gruppo di lavoro col quale verrà discusso un vero e proprio regolamento per l’assegnazione di nuovi stalli personalizzati destinati a portatori di disabilità da approvare entro il prossimo 30 settembre.
Cessa dunque la protestadi Luccasenzabarriere e con essa lo sciopero della fame del presidente: “Dopo il comunicato stampa dell’amministrazione comunale di Lucca che contiene l’impegno ad aumentare i posti riservati ai disabili nel territorio comunale, abbiamo deciso di sospendere il nostro presidio davanti alla sede del Comune”,scrive il presidente di Luccasenzabarriere onlus, Domenico Passalacqua.
“Sono ormai mesi che chiediamo siano riassegnati gli stalli auto per disabili perché alcuni cittadini che se lo sono visto togliere ne hanno bisogno – ha ricordato il presidente Passalacqua -. A gennaio abbiamo portato in Comune le firme di oltre 500 cittadini che sostenevano le nostre ragioni. Firme che l’amministrazione comunale ha ignorato per mesi, costringendoci a una prima iniziativa di protesta davanti il comune che si è tenuta lo scorso 3 maggio. Allora l’amministrazione si impegnò pubblicamente a far riesaminare l’assegnazione degli stalli auto per disabili alla commissione tecnica. Ma alle parole non sono seguiti i fatti e siamo stati di nuovo costretti a protestare per giorni davanti al comune. Grazie alla nostra pressione si è prima riunita la commissione tecnica e ora il comune si è impegnato ad aumentare gli stalli per disabili e a discuterne con tutte le associazioni, compresa la nostra”. “Pertanto abbiamo deciso di sospendere la protesta, pronti a riprenderla se, ancora una volta, alle parole non seguiranno i fatti” conclude il presidente della onlus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.