Anniversario Fondazione Crl, c’è Raphael Gualazzi

Grande attesa per il concerto di Rapahel Gualazzi, star dell’evento per l’anniversario della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, che si terrà sabato (6 luglio) alle 21 nella chiesa di San Francesco, e che si preannuncia già sold out. Si ricorda che l’ingresso è libero e gratuito. I biglietti saranno disponibili, fino a esaurimento posti, presso la reception Imt (Piazza San Francesco) a partire dalle 16 di sabato. 

Sembra ieri, ma sono già passati sei anni da quando il Complesso Conventuale di San Francesco ha riaperto le sue porte alla città, inaugurando una grande stagione di eventi e consentendo alla Scuola di Alti Studi Imt di trovare sede in un campus d’avanguardia di oltre 13mila metri quadrati. Quest’anno, il tradizionale concerto sarà anche dedicato alla memoria di Giancarlo Giurlani, scomparso proprio dieci anni fa e che fu presidente della Fondazione Crl dal 1994 al 2009, contribuendo in maniera decisiva alla crescita dell’ente e alla sua affermazione come punto di riferimento per tutto il territorio. Nell’ambito di Anniversario in concerto, divenuto negli anni un must, si sono esibiti, tra gli altri, la Filarmonica della Scala, diretta da Daniel Harding, il coro del Teatro San Carlo di Napoli, il premio Oscar Nicola Piovani e il compositore e direttore d’orchestra Ezio Bosso. Il 2019 sarà invece il turno della musica d’autore, rappresentata da uno dei giovani artisti più apprezzati del panorama italiano e internazionale. Classe 1981, Raphael Gualazzi è un autore poliedrico che ‘naviga’ serenamente tra la cultura pop e la musica colta. Giovanissimo, ha visto inserire la sua interpretazione di ‘Georgia on my mind’ in una compilation a fianco di nomi come Norah Jones, Diana Krall, Duke Ellington e Ray Charles, ma ha anche saputo vincere in maniera trionfale la categoria Giovani e il Premio della Critica al Festiva di Sanremo (2011). Una carriera strepitosa che l’ha visto affermarsi come autore e interprete jazz di fama mondiale e, nel contempo, in grado di scalare le hit parade con motivi più popolari, come L’estate di John Wayne che, nel 2016, divenne Disco D’Oro in poche settimane. Tecnica, creatività e una voce calda e delicata. Un campione della musica di qualità, che ha saputo fondere le tante suggestioni d’oltreoceano – dal blues, al jazz, al soul – con le proprie radici mediterranee, dando vita a sonorità originali ed emozionanti. Un’altra “grande firma” per festeggiare il ‘compleanno’ del San Francesco nel segno della grande musica, come ormai avviene da sei anni. Un’occasione di festa, dunque. Non solo per la Fondazione, ma per tutta la comunità. Perché la riapertura del complesso conventuale ha avuto ricadute positive su tutta l’area est della città, riattivando il circuito turistico, attirando nuove attività commerciali e, in sostanza, contribuendo a rigenerare un tessuto sociale, economico e culturale che trova nella piazza antistante la chiesa un suo fulcro naturale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.