Rifiuti a Camaiore, respinta dal Consiglio di Stato l’istanza di Sea

Il passaggio di personale è pienamente legittimo e deve dunque continuare. Questo il pronunciamento del Consiglio di Stato in merito al contenzioso in corso tra il Comune di Camaiore e Sea Ambiente che aveva fatto ricorso prima al Tar e poi a Palazzo Spada contro la decisione dell’amministrazione Del Dotto che aveva deciso di chiudere ogni rapporto con lo società viareggina dei rifiuti e affidato il servizio di raccolta dei rifiuti ad Ersu con conseguente passaggio di personale.

“Il Consiglio di Stato – si legge in una nota del Comune – ha respinto l’istanza di misure cautelari monocratiche presentata da Sea Ambiente in riforma della sentenza del Tar Toscana del giugno scorso in quanto il mero svolgimento presso la Prefettura di Lucca di riunioni finalizzate a individuare le possibili modalità di passaggio del personale non integrano il presupposto dell’estrema gravità e urgenza tali da non consentire la dilazione dell’intervento cautelare fino alla data della prima camera di consiglio utile”.
L’organo ha infine fissato come data per la discussione del ricorso, il prossimo 29 agosto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.