Alghe nella fossa dell’Abate, Dondolini (FI): “Subito l’intervento”

“Alghe in putrefazione nella fossa dell’Abate: possibile essere costretti, ogni anno e in piena stagione, ad affrontare il solito problema?” Lo chiede agli enti direttamente interessati (i Comuni di Viareggio e Camaiore e il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord) il coordinatore comunale di Forza Italia a Viareggio, Marco Dondolini.

“Bene che alla rimozione collaborino tutti – prosegue Dondolini – ma il problema può essere risolto alla radice? Si può programmare un intervento preventivo, che elimini o almeno attenui la formazione di questi organismi? O concordare uno schema d’azione che, alle prime avvisaglie, permetta un’azione tempestiva e subito risolutiva, senza aspettare che le alghe formino un tappeto maleodorante?”.
La questione non è di poco conto, soprattutto per chi (e il riferimento è agli stabilimenti balneari adiacenti alla fossa dell’Abate) “a stagione inoltrata si trova ad accogliere i turisti con odori nauseabondi, lavori perennemente in emergenza ma che comunque procedono a singhiozzo e scenari che davvero poco hanno a che fare con le bandiere blu di cui tutta la Versilia fa sfoggio”, conclude il coordinatore forzista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.