Del Ghingaro: “Viareggio attende risposte da soprintendente”

A fornirgli l’assist è il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini, che dopo giorni di tira e molla, ieri si è sfogato dopo la questione ex Balilla, sul comportamento della soprintendente Angela Acordon, accusandola di “non voler collaborare”. Oggi è il primo cittadino di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, a rincarare la dose. Del Ghingaro, affida il suo pensiero ad un commento sotto il lungo post in cui Tambellini attacca Acordon. “Non posso che concordare con te. Aggiungo che sei un sindaco fortunato – scrive Del Ghingaro -, perché sei riuscito a incontrare personalmente la Sovrintendente, cosa che a me invece non è mai riuscita. Nonostante le richieste telefoniche di appuntamento, le telefonate al suo cellulare, l’sms sempre senza risposta e la lettera formale rimasta, suppongo, inevasa”.

“Situazione imbarazzante, se si tiene conto delle tante pratiche che il Comune di Viareggio ha giacenti da tempo negli uffici della Soprintendenza, alcune delle quali di fondamentale importanza per la città. La soprintendente evidentemente ha altre priorità. Ha trovato il tempo e l’occasione di incontrare il gruppo Consiliare della Lega viareggino, e di parlare con loro di tutte le questioni oggetto delle richieste fatte dal sindaco della città da mesi e mesi. Strano ma vero – commenta Del Ghingaro -. Ha trovato anche il tempo per rispondere con parole arroganti e fuori luogo alla tua comunicazione. Parole che devo ammettere, un po’ mi hanno fatto tristezza: quando si arriva a questi toni tra istituzioni vuol dire che è difficile tornare indietro e ristabilire un confronto ed una collaborazione auspicabile e, sia pure nelle reciproche posizioni, naturale. Quindi caro Alessandro serve pazienza, determinazione e serietà, di fronte a scorrettezze istituzionali ormai divenute consuete e quasi normali. Questi sono i nuovi linguaggi pubblici, ai quali stento ad abituarmi e ai quali non intendo conformarmi, per lo stile e il rispetto che un sindaco deve necessariamente dimostrare. Domani ritornerò a scrivere educatamente alla soprintendente per richiedere un appuntamento: chissà che questa volta il sindaco di Viareggio riesca ad ottenerlo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.