Porcari, condannati per offesa sui social

Condannati per il commento su Facebook. È arrivato oggi davanti al giudice monocratico il decreto penale di condanna a 258 euro di multa per i due utenti social che, nell’agosto dell’anno passato avevan apostrofato la presidente del consiglio comunale di Porcari, Francesca De Toffol, definendola “un’oca che razzola nel prato”, una “il cui cervello non si trova là dove deve stare naturalmente”.

Le pesanti offese, presenti in alcuni commenti sul gruppo Facebook Sei porcarese se se…, dopo che la stessa era intervenuta per ribattere ad alcuni post che vi erano apparsi, non sono passate inosservate alla presidente, che di professione fa l’avvocato, che ha deciso di presentare denuncia. A un anno di distanza la sentenza, appellabile, che costa cara ai due commentatori, costretti a pagare 258 euro ciascuno. Un monito a tutti coloro che pensano che un commento sui social sia in qualche modo esente (scriminato, direbbero i giuristi) da possibili conseguenze penali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.