Truffe in serie per i Rolex, incastrato dalla polizia

Truffatore seriale di Rolex incastrato dai poliziotti della squadra mobile. È partito l’avviso di conclusione indagine per l’uomo di origini campane che qualche mese fa era stato protagonista di un servizio delle Iene. Ma il suo volto ed il suo nome erano già noti agli investigatori della questura, giunti alla sua identificazione nel marzo scorso in seguito ad una complessa indagine. I fatti risalgono, infatti, addirittura al giugno del 2018.

La premessa: un ricco lucchese mette in vendita su un noto portale internet di annunci un orologio della sua collezione privata, un Rolex modello Submarine 16613 Sultan, oro/acciaio e brillanti, per la somma di 8mila euro. Il venditore viene contattato, nel giro di poche ore, da tale Marco Capozza, un uomo dall’accento campano che si dice interessato all’acquisto dell’orologio. Dopo una serie di trattative, venditore ed acquirente giungono ad un accordo e fissano un incontro in un istituto di credito lucchese: l’acquirente pagherà con un assegno circolare e il venditore chiederà alla banca di accertare, in tempo reale, la bontà del pagamento.
L’incontro avviene di fatto il 3 luglio successivo: l’uomo alla banca consegna un assegno circolare. Avendo il dipendente della banca accertato la validità del titolo nell’istituto casertano che l’aveva emesso, l’acquisto va a buon fine e l’orologio consegnato al compratore. Pochi giorni dopo l’inaspettata notizia: l’assegno, portato all’incasso, risulta non valido: è falso. Il venditore è stato truffato.
Il lucchese si rivolge agli investigatori: i poliziotti della squadra mobile iniziano un’indagine complessa muovendo dall’utenza utilizzata dal truffatore per contattare il venditore. L’esito degli accertamenti è negativo: l’utenza è intestata ad un prestanome, uno straniero, probabilmente inesistente. I poliziotti avviano allora una lunga collaborazione investigativa con gli omologhi uffici delle questure del nord Italia e in pochi mesi ottengono le foto dei maggiori truffatori di Rolex operanti nel territorio.
La vittima riconosce senza ombra di dubbio tra le foto che vengono mostrate quella di Ciro Casino, 47enne napoletano, già conosciuto anche per i reati di contraffazione di atti pubblici, sostituzione di persona e possesso e fabbricazione di documenti di identificazione. A carico dell’uomo diverse segnalazioni, a varie procure italiane, per truffe avvenute con lo stesso modus operandi di quella smascherata dai poliziotti di Lucca.
Pochi giorni dopo l’individuazione del truffatore, il servizio delle Iene e l’arresto del 47enne, trovato con un assegno circolare falso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.