Studenti della Garfagnana al centro didattico di Camporgiano

Anche per quest’anno si è svolta per gli studenti ed insegnanti delle classi quinte delle scuole primarie di tutta la Garfagnana la visita didattica al centro La Piana di Camporgiano organizzata dall’Unione Comuni Garfagnana. Oltre 260 partecipanti sono stati invitati all’iniziativa fortemente voluta dal Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana Andrea Tagliasacchi, ritenendo che il Centro rappresenti per le scuole un importante laboratorio didattico, un vero e proprio museo vivente, dove gli studenti possono conoscere il significato e l’importanza della biodiversità e riconoscere i principali frutti autoctoni della Garfagnana, oltre ad acquisire la consapevolezza del valore della tutela della specificità di un territorio.

L’Unione Comuni Garfagnana ha provveduto al trasporto degli alunni che, una volta arrivati al centro e suddivisi per gruppi, hanno iniziato la visita guidati da esperti che li hanno accompagnati lungo tutto il percorso, compiendo un giro completo all’interno del vivaio, con lo scopo di far conoscere il grande patrimonio di biodiversità e le tante varietà della frutta garfagnina. I giovani hanno da subito dimostrato interesse per le spiegazioni, hanno partecipato attivamente esprimendo con entusiasmo le loro opinioni e hanno assaggiato e assaporato i frutti cogliendoli direttamente dalla pianta, esperienza nuova e per tanti di loro unica.
È stata scelta questa data perché l’autunno, oltre ad offrire splendidi colori, è un momento particolare per una visita al Centro data la molteplicità di frutti in maturazione delle molte varietà locali di pero, di melo e di uva. Inoltre, ad inizio anno scolastico, può essere da stimolo per lavori di approfondimento nella scuola. L’iniziativa rientra in un percorso più ampio seguito dall’Unione Comuni Garfagnana che attraverso la Banca dell’identità e della memoria valorizza le caratteristiche, la storia e le tradizioni del territorio, non solo culturali ma anche naturali e produttive.
Il Centro la Piana è stato istituito come vivaio forestale nel 1957 dal Corpo forestale dello stato, dal 1976 è gestito dalla Comunità montana della Garfagnana, ad oggi Unione Comuni Garfagnana. Pur rimanendo una struttura produttiva, il vivaio ha assunto nel tempo un nuovo e più incisivo ruolo come centro multifunzionale fortemente legato alla realtà locale, di stimolo e supporto allo sviluppo rurale.
L’Unione Comuni Garfagnana, attraverso il Centro, ha da sempre operato per il recupero e la valorizzazione delle varietà agricole locali e, dagli anni 2000, l’interesse maggiore è verso la tutela della biodiversità agraria, in particolare di tutte le specie tradizionalmente coltivate che sono state recuperate, caratterizzate ed iscritte ai repertori regionali delle specie a rischio di estinzione ed erosione.
Nel 2008 è stata costituita, nel Centro, una sezione locale della Banca regionale del Germoplasma, una banca attiva, fortemente legata al suo territorio ed alla comunità locale: promuove ed opera direttamente la ricerca delle varietà, stimola e supporta studi e ricerche scientifiche, coinvolge gli operatori e la popolazione locale, promuovendo la diffusione delle conoscenze e favorendo la ridiffusione sia delle colture che dei valori dell’identità locale. Ad oggi, la banca conserva i semi di 27 varietà erbacee garfagnine (cereali, ortive, leguminose) e 7 varietà di aree limitrofe di Lucca, Alta Versilia e Lunigiana; un campo collezione di frutti su una superficie di circa 3000 metri quadri, dove sono raccolte 435 piante da frutto di 6 specie (melo, pero, susino. ciliegio, fico, pesco) e 185 diverse varietà. Di queste, con la collaborazione del Dipartimento di scienze Agrarie, Alimentari Agro-ambientali dell’Università di Pisa, 26 sono state caratterizzate ed iscritte ai Repertori Regionali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.