Torri e orto botanico, gestione alla coop di Bologna

Sarà ancora la cooperativa bolognese Le Macchine Celibi a gestire l’apertura al pubblico, l’accoglienza, le informazioni all’utenza e la biglietteria per Torre Guinigi, Torre delle Ore, casermetta San Martino e Orto Botanico. Così recita la determina pubblicata oggi (10 ottobre) dal Comune di Lucca e che approva in via definita la procedura negoziata per l’affidamento.

La cooperativa bolognese su una base di partenza di oltre 260mila euro per gli ultimi mesi del 2019 e fino al 2021 ha presentato un ribasso superiore al 21 per cento, il più alto delle cinque società che hanno presentato l’offerta sulle 14 che avevano aderito alla manifestzione di interesse. Le altre concorrenti erano le Rti da costituire fra Co&So Firenze e Itinera Progetti e Ricerche di Livorno e fra Vivaevents Srl e Verona 83 Srl. Assieme a loro la Socioculturale Se e la Capitolium società cooperativa. Nel punteggio finale a spostare l’asticella verso Le Macchine Celibi proprio l’offerta economica, visto che il punteggio tecnico avrebbe premiato la Rti Co&So-Itinera.
Il servizio è stato affidato quindi alla cooperativa per un importo complessivo, per 18 mesi a decorrere alla data di avvio di esecuzione del servizio, per un importo complessivo pari a 208.460 euro di cui poco oltre i 6500 di oneri per la sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.