Ricorso bocciato, può partire la rivoluzione rifiuti

Il Tar dà ragione a Sistema Ambiente: il nuovo sistema di raccolta differenziata del centro storico, denominato Garby, può entrare in funzione. L’avvio ufficiale subirà un ritardo di alcune settimane, permettendo così all’azienda che si è aggiudicata la gara indetta da Sistema Ambiente di completare la produzione delle isole ecologiche fuori terra, che andranno a sostituire la raccolta dei sacchetti filo-strada.

Il tribunale amministrativo della Toscana ha infatti respinto l’istanza cautelare presentata dalla seconda classificata, Emz, confermando così la legittimità delle scelte operate da Sistema Ambiente, che ha individuato in Id&a Brescia l’azienda a cui affidare la realizzazione delle isole ecologiche fuori terra informatizzate.
“L’innovativo progetto che ci porterà a eliminare la raccolta dei sacchetti filo-strada e a introdurre in centro storico 70 nuove isole ecologiche fuori terra, che abbiamo denominato Garby, può andare avanti – spiega il presidente di Sistema Ambiente, Matteo Romani -. Il ricorso ha causato alcuni ritardi nell’entrata in funzione del nuovo sistema di raccolta differenziata del centro storico: inizialmente il Tar doveva esprimersi nei primi di novembre, poi l’udienza è slittata a ieri e oggi è arrivato l’esito. Questo significa che, per legge, fino a oggi non abbiamo potuto firmare il contratto con l’azienda aggiudicataria della gara e questo ha ovviamente rallentato i tempi di produzione delle isole. Lo avevamo annunciato ai cittadini nel corso delle ultime assemblee: oggi possiamo dire che tutto è andato per il meglio e che saremo pronti per dare il via al progetto con alcune settimane di ritardo. Nei prossimi giorni comunicheremo la data esatta”.
Garby. Per vivere il centro storico: è questo il filo conduttore che contraddistingue quella che può essere definitiva una vera e propria rivoluzione nella gestione e nella raccolta dei rifiuti all’interno delle Mura urbane. La capillarità della disposizione dei Garby nel centro storico è stata studiata affinché siano facilmente raggiungibili e accessibili, in modo che i cittadini-utenti possano trovarli a due passi da casa o dal posto di lavoro. Con l’avvio di Garby, partirà proprio dal centro storico anche una seconda novità, che riguarda la separazione del vetro dal multilaterale leggero (plastica e imballaggi in metallo e in acciaio). La terza novità, infine, si riferisce al sistema di misurazione della tariffa: con l’introduzione della tariffa puntuale sulla parte variabile della bolletta, infatti, i cittadini pagheranno per l’effettiva quantità di rifiuto indifferenziato prodotta e conferita alle isole.
Nei prossimi giorni, Sistema Ambiente e l’amministrazione comunale, oltre a comunicare il giorno ufficiale di avvio del nuovo sistema di raccolta differenziata del centro, informeranno i cittadini anche sulle prossime assemblee programmate.
Intanto si ricorda che per il ritiro delle nuove tessere, indispensabili per aprire i Garby, è possibile recarsi, il sabato, all’ex biglietteria del Teatro del Giglio, in piazza del Giglio 13/15, dalle 9 alle 12; oppure il lunedì dalle 9,30 alle 16 al Punto accoglienza turistica del Comune di Lucca (vecchia Porta San Donato), in piazzale Verdi; o ancora il martedì e il giovedì dalle 8,30 alle 13 e dalle 14,30 alle 17; il mercoledì dalle 8,30 alle 13 nella sede di Sistema Ambiente, via delle Tagliate III, trav. IV, 136 Borgo Giannotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.