Professore Imt nuovo presidente della Sipf

È la Società italiana di psicofisiologia e neuroscienze cognitive

Emiliano Ricciardi, professore di psicobiologia e psicologia fisiologica e membro del Molecular Mind Lab della Scuola Imt alti studi Lucca, sarà il nuovo presidente della Società italiana di psicofisiologia e neuroscienze cognitive (Sipf), una delle principali organizzazioni nazionali che raccoglie studiosi delle funzioni cerebrali umane provenienti da diverse discipline. Ricciardi è stato eletto nel corso dell’ultimo congresso annuale tenutosi nelle scorse settimane a Ferrara.
Un incarico prestigioso per Ricciardi, che presiederà la Società dal 2021 al 2023, e un riconoscimento per la scuola, dove il professore fa parte di un gruppo di ricerca multidisciplinare all’avanguardia nello studio delle basi cerebrali delle funzioni mentali e del comportamento umano in condizioni di salute e in presenza di disturbi psichiatrici.
La Sipf, infatti, promuove da anni la crescita e la diffusione della psicofisiologia e delle neuroscienze tra i giovani ricercatori in ambito nazionale e favorisce l’integrazione tra studiosi di discipline diverse nell’ambito dello studio del cervello e delle sue manifestazioni comportamentali.
“Sono felice e onorato da questo incarico, importante riconoscimento per il nostro gruppo di ricerca – spiega il professor Emiliano Ricciardi – Negli ultimi anni, lo sviluppo di nuove metodologie di ricerca ha dato un impulso significativo alla comprensione dell’affascinante architettura morfologica e funzionale del cervello umano, area nella quale la scuola Imt attrae studenti a livello internazionale. Il mio intento sarà appunto quello di far dialogare sempre di più le nuove metodologie di studio del cervello con i metodi più classici della psicofisiologia di base e clinica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.