Maradona, dito medio al presidente Afa che gli dà di jettatore

Nuova puntata dello scontro tra Diego Armando Maradona e il presidente della federazione argentina Julio Grondona che ieri aveva dato del menagramo al campione argentino, sottolineando come il gol di Messi all’Iran fosse arrivato dopo che El Pibe de Oro aveva lasciato la tribuna dello stadio Mineirao.
Mufa (gufo, ndr), questo l’epiteto riservato da Grondona all’ex allenatore dell’albiceleste e riportato dai media locali. Per il presidente dell’Afa “la vittoria è arrivata quando lo jettatore se n’è andato”.
La replica non si è fatta attendere: “Povero stupido – gli ha risposto il campione dal suo show televisivo in onda sull’emittente tv Telesur – il merito è di Messi, e non perché io sono andato via. Voglio dire a questa persona che tutto quello che posseggo l’ho guadagnato con il mio lavoro, mentre quello che ha lui viene dalla Fifa” accompagnando il tutto mostrando il dito medio alle telecamere.
Ma Maradona non ha risparmiato critiche anche alla nazionale di Sabella dicendo di aver visto contro l’Iran “un’Argentina senza ritmo che non ha ancora trovato la strada giusta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.