Una piattaforma web per far innamorare gli studenti del sapere scientifico

Una banca dati con esperienze didattiche innovative per insegnare con maggiore efficacia le materie scientifiche. E’ stata inaugurata in questi giorni a Firenze, su iniziativa della Regione Toscana, e sarà attiva già a partire da settembre, con la riapertura delle scuole. “Uno strumento davvero interessante per gli studenti toscani – sottolinea Emmanuele Bobbio, assessore regionale all’Istruzione – che mette a sistema oltre dieci anni di buone pratiche realizzate da molte scuole toscane nell’ambito dell’insegnamento scientifico e matematico”. Il sistema, la cui inaugurazione è avvenuta nell’aula magna dell’Isis Leonardo da Vinci di Firenze, è denominato Laboratori del Sapere Scientifico e nasce grazie a un impegno economico complessivo, della Regione Toscana, che raggiunge un milione e 200 mila euro.

Nella piattaforma sono raccolti tutti i prodotti didattici realizzati, dal 2000, all’interno dei Laboratori: lo scopo è offrire a tutte le scuole, della Toscana e ovviamente non solo, uno strumento per consultare quei prodotti e per approfondire risultati di esperienze didattiche innovative.
Oltre cento le scuole toscane, selezionate attraverso specifici avvisi pubblici, che hanno fornito la documentazione. Nelle scuole dove operano, i Laboratori del Sapere Scientifico sono costituiti da docenti (matematica, scienze, chimica, fisica, filosofia) uniti per proporre agli studenti nuovi percorsi di approfondimento, e magari di innamoramento, in quel tipo di materie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.