Ferrovieri in sciopero dopo l’ennesimo infortunio mortale

Domani (7 agosto) ferrovieri in sciopero dalle 11 alle 12 dopo l’infortunio sul lavoro che si è verificato ieri nei pressi della stazione di Fabro-Ficulle, all’interno della giurisdizione della Direzione Territoriale Produzione di Firenze, dove ha perso la vita un operatore della manutenzione infrastrutture di 34 anni, dipendente della società Rfi Spa del Gruppo Fsi.

“Le dinamiche dell’incidente non sono ancora chiare, e sarà compito delle autorità preposte fare piena luce su quanto avvenuto – sottolinea la Filt Cgil -. Molte volte il sindacato ha evidenziato il mancato turnover con la conseguente carenza di personale addetto alla manutenzione infrastrutture, le cui conseguenze sono rilevabili in interventi sempre più spesso frenetici, aumento delle chiamate al di fuori del canonico orario di lavoro (reperibilità, disponibilità, ecc) nonché continue variazioni dei programmi manutentivi con relativi spostamenti di orari e di interventi, che riducono l’attenzione, esponendo i lavoratori ad operare in condizioni di grande difficoltà. Le organizzazioni sindacali, nell’esprimere il proprio cordoglio alla famiglia, confermano la propria determinazione nel difendere i principi della sicurezza sul lavoro, affinché non si ripetano tali tragedie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.