Truffe agli anziani, Spi-Cgil si mobilita e distribuisce il manuale di autodifesa “Non ci casco”

Più informazioni su

La persona anziana è tra le principali vittime del clima d’insicurezza e di paura acuito dalla crisi economica. Per questo la Cgil si mobilita per aiutare i cittadini più deboli e più soli, gli anziani. “In questa situazione il senso di disagio degli anziani sta crescendo in modo esponenziale – spiega Bruno Calzoalri, segretario regionale Spi-Cgil Toscana-. I dati dimostrano che non siamo in presenza di una crescita della microcriminalità ma il mutamento del contesto fa sì che il soggetto più debole percepisca l’esatto contrario. I fatti di cronaca ci dicono però che il fenomeno si acuisce nei mesi estivi. I malviventi hanno capito che, spesso, nel periodo feriale, le persone fragili sono ancora più sole. “Le truffe verso gli anziani, operate da gente senza scrupoli con metodi sempre più ‘specialistici’, diventano ancora più odiose perché l’anziano, più di altri, deve fare i conti con la propria fragilità e spesso con la solitudine”.

“Accade anche che la persona anziana ometta di denunciare la truffa subita per paura del giudizio dei propri congiunti e con l’assillo che il fatto possa mettere in discussione la propria autonomia e ciò non è accettabile – prosegue Calzolari -. Lo Spi-Cgil è impegnato in una campagna di sensibilizzazione, abbiamo promosso e organizzato incontri e iniziative nei territori e continueremo su questa strada. Presso le leghe e le nostre sedi territoriali è disponibile il piccolo manuale di autodifesa contro truffe e raggiri Non ci casco dove gli anziani possono trovare l’aiuto necessario e le indicazioni per difendersi anche da questa minaccia. Occorre anche una maggiore attenzione e controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine – conclude Calzolari -, delle quali riconosciamo l’impegno a fronte della scarsità di risorse mezzi tecnici e personale, e delle Istituzioni locali, anche per verificare l’effettiva operatività del vigile di quartiere e valutare i risultati dei protocolli sottoscritti in molti territori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.