Nuova aggressione su un treno della Lucca Firenze

Hanno aggredito la capotreno fra le stazioni di Pescia e Pistoia, creando notevole scompiglio nonché disagi alla circolazione ferroviaria. Autori del gesto un gruppo di giovani molesti. L’aggressione, tra l’altro, è avvenuta sullo stesso treno dove ieri era stato minacciato un capotreno. Ad informare dell’accaduto è il Sindacato autonomo di polizia (Sap) di Pistoia. Il fatto è accaduto oggi sul treno 3057, partito da Lucca alle 12,39 alla volta di Firenze Santa Maria Novella. “Appena giunto a Pistoia – riferisce Andrea Carobbi Corso, segretario provinciale del Sap – il treno è stato soppresso, come quello di ieri, in quanto la donna, a cui il Sap esprime la propria solidarietà, è stata trasportata in ambulanza all’ospedale”.

Secondo quanto appreso non se la sarebbe sentita di andare avanti a causa dello stress subito ed è stata trasportata al pronto soccorso per controlli. “Ormai – prosegue Carobbi Corso – anche i treni come le stazioni ferroviarie stanno divenendo nella nostra provincia sempre più spesso teatro di episodi violenti e la politica, anziché potenziare l’organico del Posto Polfer, già di per sé carente, si accinge a chiuderlo definitivamente, lasciando così pendolari e dipendenti delle ferrovie sempre più soli in quella che sta diventando la terra di nessuno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.