Consiglio regionale, nuova legge sulle piscine. Esulta Forza Italia: “Cancellate le prescrizioni vessatorie”

Sospiro di sollievo per alberghi, agriturismi e palestre con piscine ad uso pubblico: il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una nuova legge che cancella numerose prescrizioni precedentemente prevista, senza per questo abbassare il livello di sicurezza per i bagnanti. “Finalmente la Toscana esce da una situazione insostenibile per tutte le strutture dotate di piscine – spiegano soddisfatti i consiglieri regionali di Forza Italia Stefano Mugnai, Claudio Marignani e Nicola Nascosti, rispettivamente vicepresidenti delle commissioni Sanità, Agricoltura e Attività produttive – Un risultato ottenuto con una proposta bipartisan profondamente migliorata nella sua formulazione dagli emendamenti presentati da Forza Italia che ha premuto per cancellare vincoli assurdi e norme che nei fatti complicavano la vita ad albergatori e proprietari di piscine, conciliando il mantenimento dei parametri di sicurezza con la sostenibilità economica”.
“Vale la pena ricordare che la Toscana è terra di turismo di qualità – ben il 25% degli agriturismi italiani è nella nostra regione – e privare gli imprenditori di uno dei servizi maggiormente richiesti sarebbe stato un delitto. La proposta si è resa necessaria e irrimandabile vista l’inadeguatezza della legge varata dalla Regione Toscana otto anni fa e le proroghe che si sono susseguite in questi anni. Un’esigenza condivisa da maggioranza e opposizione, tuttavia il testo presentato mostrava lacune che andavano colmate e errori da sanare, evidenziati dalle osservazioni presentate dalle associazioni di categoria con cui la commissione si è confrontata. Osservazioni ragionevoli che anche grazie all’azione di Forza Italia sono parte integrante del testo che il Consiglio ha approvato stamani”, concludono Mugnai, Marignani e Nascosti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.