Con Onda Acustica la taranta sbarca alla pieve romanica di Antraccoli

Nuova e coinvolgente conferenza-concerto e performance di Giulio D’Agnello, in trio con Onda Acustica (Mauro Redini e Alessandro Sodini), per la esecuzione e rappresentazione della Pizzica della Taranta, presentata dallo psichiatra lucchese Enrico Marchi, nell’orto della pieve romanica di Antraccoli, storica (e ancora attuale) sede di accoglienza per i pellegrini della Via Francigena. L’appuntamento è per venerdì 15 luglio alle 21.
Dopo le varie esperienze in sale accademiche italiane e d’oltralpe, in conferenze e convegni, per quest’occasione il gruppo musicale lucchese sarà impreziosito da Eva Sagona, che interpreterà dal vivo la Danza della Guarigione, l’arcaico rito salentino per la cura dei morsi dal ragno velenoso.

L’antica e misteriosa leggenda legata al mito di Aracne, ai riti pagani di Dioniso ed al culto di San Paolo si fonde con la storia della musicoterapia collettiva che sprigiona dal ritmo della Pizzica; quasi un riscatto per la precaria e sottomessa condizione delle donne salentine di allora, in una enigmatica esperienza gruppale di catarsi terapeutica che oggi rivive in parte soltanto nelle performances coreutico – musicali della Notte della Taranta in Puglia e nei concerti di Onda Acustica.
Un viaggio indietro nel tempo che ripercorrerà con l’ausilio di filmati, diapositive, letture, musiche e danze dal vivo, uno dei piu’ antichi e affascinanti fenomeni psico-sociali e antropologico-culturali in cui la musica diventa una vera e propria terapia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.