Lutto e bandiere a mezz’asta in Toscana per le vittime di Nizza

Il consiglio regionale è in lutto per le vittime di Nizza. Le bandiere di palazzo Panciatichi e palazzo Bastogi sono a mezz’asta. Il presidente dell’assemblea toscana esprime “orrore per l’accaduto”. “Siamo vicini alle famiglie colpite, straziati per i bimbi uccisi, per gli inermi spazzati via dalla follia”, afferma Eugenio Giani. “Siamo determinati – continua il presidente – a rimanere uniti, a resistere e reagire a questo scempio. In difesa della vita e dei valori umani universali”.

“Un sentimento di orrore, di vicinanza e solidarietà – sono le parole di Maurizio Brotini, segretario Cgil Toscana – con la consapevolezza che dobbiamo affrontare un gravissimo problema non rimettendo in discussione i nostri principi, i nostri valori, il nostro concetto di civiltà, non rinchiudendoci dentro risposte solo sicuritarie, ma cercando di capire cosa accade a livello mondiale, cosa ha reso possibile, dopo la fine dei blocchi, l’esplosione del terrorismo fondamentalista. Dobbiamo individuare, anche intorno a noi, il terreno di coltura che fa si che tante persone possano ritrovarsi in una logica aberrante. L’attentato di Nizza e quelli che l’hanno preceduto parlano alle coscienze e alla ragione, devono indurci a dare risposte democratiche, progressiste, efficaci”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.