Rapine in villa e furti: sgominata la gang

Fu un colpo studiato nel minimo dettaglio quello nella villa di una pensionata di 86 anni, legata e imbavagliata nello studio del figlio da tre rapinatori che, tenendola sotto la loro minaccia, le svaligiarono la casa (Articolo e foto). Isola Mazzoni visse una mezzora di terrore, la sera del 14 maggio scorso: oggi i malviventi che le fecero irruzione in casa, mentre si trovava da sola a guardare la tv in cucina, sono stati arrestati dai carabinieri, che proprio indagando su quella violenta aggressione, sono riusciti a ricostruire la rete messa in piedi dalla banda e a smantellare, in pochi mesi d’indagine, una gang accusata di un’altra rapina, sempre nel capannorese, di almeno 16 furti in abitazione tra Lucca, la Piana, Valdinievole e Fucecchio e di quello di due auto.

Un’operazione, denominata non a caso ’Tramonto’, per l’orario scelto dalla banda per agire, che è culminata ieri mattina (17 gennaio) nell’esecuzione di quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, due ai domiciliari e due misure dell’obbligo di dimora nei confronti di altrettanti componenti della banda di albanesi e rumeni. Una gang dove ognuno poteva ricoprire qualunque ruolo, dal braccio operativo degli assalti nelle case, fino alle attività logistiche per scegliere gli obiettivi e agevolare la fuga dopo i furti e le rapine.
Legata e imbavagliata. Gli investigatori del nucleo operativo dei carabinieri di Lucca, diretti dal tenente Rosario Tedesco hanno eseguito nelle ultime ore le ordinanze firmate dal gip su richiesta del sostituto procuratore Salvatore Giannino che ha condotto l’inchiesta sotto la supervisione del procuratore capo Pietro Suchan. In manette sono finiti Flori Sejdini, 24 anni, colpito da un’ordinanza di custodia in carcere, e Zef Paluca, 39 anni, il basista, che ha l’obbligo di dimora, accusati di essere gli autori materiali della rapina alla pensionata aggredita nella sua villa di via della Ralle a Camigliano, insieme ai complici che giocarono un ruolo fondamentale per la fuga a bordo di due auto “pulite”: Kristian Kulli, 24 anni, ai domiciliari, e Ciprian Vasile Deesy, 40 anni, colpito invece dall’obbligo di dimora. Quest’ultimo è stato il primo ad essere individuato dai carabinieri, grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza, ispezionate dagli investigatori subito dopo la rapina alla pensionata e incrociando l’esame delle celle telefoniche con alcune utenze sospette agganciate in zona al momento del raid nella casa di Isola Mazzoni. Per l’accusa all’interno della villa entrarono insieme a Flori Seidjni, anche altri due complici ancora ricercati.
La rapina a Capannori. Quando ormai le indagini dell’Arma hanno ormai già preso una direzione precisa, nuovi elementi emergono dagli accertamenti scattati dopo una seconda rapina, avvenuta il 26 agosto scorso. Mariagrazia Dini sorprese nella sua casa di Capannori tre rapinatori e venne spinta a terra, dopo essere stata colpita con l’anta della persiana di una porta finestra: per i carabinieri gli autori materiali di quel colpo furono ancora Flori Sejdini, insieme a Gentian Mukja, 29 anni, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Per l’accusa, agirono con Fatbardh Ismajli, 22 anni, che faceva da palo-autista e che è finito in carcere.
Raffica di furti. Oltre alle rapine i carabinieri sono riusciti ad attribuire alla banda almeno 16 colpi in abitazione, e i furti di almeno due auto. Qui entrano in gioco altri elementi della banda, in particolare spunta il nome di una donna: si tratta di Andreea Paula Popa, 27 anni, che ora si trova ai domiciliari: per l’accusa faceva da palo mentre compivano i furti i complici: Mukja, Ismajli, Sejdini e Shaquir Veseli,22 anni, anche lui rinchiuso in una cella del San Giorgio da ieri mattina, in attesa di essere interrogato dal pm come gli altri 3 in carcere.
L’indagine. La pista giusta per disarticolare la banda è stata imboccata dai carabinieri nelle prime ore seguite alla rapina a Isola Mazzoni, che dopo il colpo fu intervistata anche da Barbara D’Urso a Pomeriggio Cinque. Due i punti di svolta: l’esame delle telecamere di videosorveglianza e l’analisi delle celle telefoniche, che permisero ai carabinieri della stazione di Lammari e a quelli del nucleo operativo di individuare in breve il primo dei presunti rapinatori, quel Ciprian Vasile Deesy che ha poi permesso di risalire alle due “batterie” di ladri-rapinatori. Una volta ristretto il cerchio, i militari hanno effettuato numerosi appostamenti e pedinamenti, riuscendo a dare un nome ed un volto ai presunti componenti della gang, tutti senza fissa dimora e in grado di spostarsi rapidamente in alloggi di fortuna o ospiti di amici e conoscenti tra Lucca e Pistoia, in particolare a Massa e Cozzile.
Gli arresti. Il blitz che ha portato all’esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare è scattato alle prime luci dell’alba di ieri e ha impegnato in tutto 35 carabinieri del nucleo operativo e delle stazioni della Compagnia di Lucca, in collaborazione con l’Arma di Montecatini. Sono scattate diverse perquisizioni domiciliari e l’indagine, come ha spiegato il procuratore capo Suchan è tutt’altro che conclusa: “Si tratta – ha detto – di una batteria di delinquenza grave, che colpisce i cittadini perché va a violare la loro intimità. Questa indagine per noi ha avuto particolare attenzione: in essa primeggia l’impegno personale dei carabinieri che si sono adoperati per giungere a questo risultato e per dare una risposta puntuale ed efficace. Come procura intendiamo sviluppare un approccio diverso al problema dei furti andando ad individuare anche i ricettatori, che sono di stanza in zona. Questo vuol dire che c’è un mercato del riciclaggio che deve essere attentamente monitorato”.
Raid da Lucca alla Valdinievole. La banda in cui, secondo l’accusa, ciascun componente aveva ruoli intercambiabili, è accusata di aver compiuto furti da Lucca alla provincia di Pistoia e di Firenze, in particolare in Valdinievole e a Fucecchio. Gli inquirenti attribuiscono a vario titolo ai componenti della gang vari colpi in abitazione: si comincia da Lunata, quando il 26 agosto scorso ci fu un tentato furto in una casa di via Pesciatina. Il giorno dopo la gang colpì a Tempagnano in via di Picciorana, ma i ladri non riuscirono a portare via niente. Furono invece trafugati gioielli e orologi dall’abitazione di una donna in via di Tiglio a San Filippo, sempre il 29 agosto. I ladri svaligiarono anche altre due case in via dei Paladini ad Antraccoli. A inizio settembre i ladri si spostano ad Altopascio, dove in meno di due settimane colpiscono due volte. Qui ma anche a Capannori, in via Bertolucci e a sulla via Pesciatina a Lappato e, di nuovo, a Lunata, in via dei Berti. I ladri tornano a colpire nel territorio di Altopascio il 25 settembre, in particolare a Michi,dove trafugano bigiotteria, e poi a Pieve San Paolo, sulla via di Tiglio. Alla banda viene anche attribuito il colpo in una casa di Massa e Cozzile e altri tre in case a Fucecchio, il 30 settembre scorso.

Roberto Salotti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.