Il sindaco gourmet consiglia il farro a Mattarella foto

Un pranzo di un’ora e un quarto alla Buca di Sant’Antonio, nel cuore di Lucca, di cui ha apprezzato molto il menù studiato ad hoc e a a base di tipicità lucchesi. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella arriva alle 13 in punto, subito dopo la visita al Cred di via sant’Andrea e, ancora prima, gli appuntamenti alla Cattedrale e al Teatro del Giglio. Con lui ci sono il sindaco Alessandro Tambellini, il governatore della Regione Toscana Enrico Rossi ed il presidente della Provincia di Lucca Luca Menesini, oltre al prefetto Maria Laura Simonetti ed una manciata di persone dello staff personale.
Per la massima carica dello Stato il titolare del ristorante, Giuliano Pacini, ha riservato un piano intero. Mattarella entra, saluta subito i presenti, poi accetta di buon grado il primo fuori programma: “Il sindaco Tambellini – raccontano dalla Buca – ha insistito affinché il presidente assaggiasse anche una minestra di farro, che non era in menù. Mattarella l’ha apprezzata molto, facendoci anche molti complimenti per il locale nel suo insieme”.

Poi la scaletta del menù, appunto, autografato a fine pranzo: subito un primo con ravioli di ricotta di pecora alle zucchine e granella di mandorle, poi un’altro piatto forte come il baccalà alla griglia con ceci all’olio extravergine d’oliva. Per il dolce è stata servita frutta caramellata al forno con gelato del maestro. Il presidente ha anche preso un caffè, alla fine di un pasto accompagnato da un bianco di Montecarlo (Tenuta del Buonamico) e da un rosso Igp Bernino-Greo.
Al termine del pasto Mattarella ha voluto salutare tutti i cuochi ed i camerieri del celebre ristorante, concedendosi anche per le foto di rito. Poi una pausa di circa un’ora e mezza, per riposare un poco prima della visita successiva: alle 15,50, infatti, è atteso alla casa natale del maestro Giacomo Puccini, in corte San Lorenzo.

Paolo Lazzari

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.