Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 86
Menu
RSS

Secca bocciatura dei metalmeccanici toscani al testo unico sulla Rappresentanza

I metalmeccanici toscani bocciano senza appello l'accordo interconfederale: su 27.628 votanti, i no sono stati ben 25.613 pari al 92,70 % contro 1.366 sì corrispondenti al 4,94% con 650 schede tra bianche e nulle. Nelle ultime settimane in Toscana si sono infatti svolte un migliaio di assemblee che hanno visto il coinvolgimento di oltre trentamila lavoratori metalmeccanici per discutere e votare l'accordo sul Testo Unico sulla rappresentanza siglato il 10 gennaio da Cgil Cisl Uil e Confindustria. "Riteniamo che sia stato fatto un importante passaggio democratico in una fase complicata dove molte imprese sono in crisi e migliaia di lavoratori sono interessati all'utilizzo di ammortizzatori sociali. – commenta Massimo Braccini Segretario generale Fiom Cgil Toscana - La risposta è stata comunque massiccia e come sempre i meccanici hanno dato un importante contributo democratico".
"Come Fiom abbiamo sempre ritenuto fondamentale che tutti i lavoratori e le lavoratrici possano decidere sugli accordi che li riguardano e gli vengono applicati. Rispetteremo le decisioni che sono state espresse dai lavoratori metalmeccanici in questo referendum e ci sentiremo vincolati al voto per quanto riguarda le linee sindacali da portare avanti. Questi dati dovrebbero far riflettere anche la stessa Cgil riguardo alcuni punti di merito dell'accordo che come Fiom riteniamo vadano assolutamente modificati".

Leggi tutto...

Chiriaco (Cgil) sulla proposta di salario minimo di Renzi: "Semplicistica e banale"

“Semplice con risvolti banali è la proposta del governo sul salario minimo sapientemente illustrata dal viceministro dell'economia”: è il giudizio del segretario generale della Cgil di Lucca Franco Chiriaco sui provvedimenti a cui il governo sta lavorando. Nel dettaglio, Chiriaco spiega che innanzitutto ritiene la proposta “semplice perché non tiene conto dei 400 contratti collettivi nazionali di lavoro che già prevedono un salario a parametro 100, e quindi essendo al più basso livello di inquadramento è ovviamente minimo. E banale perché l'obiettivo che il governo Renzi vuole raggiungere è rendere il movimento sindacale marginale, scegliendo la strada di depotenziare il contratto nazionale attraverso una norma per cui il contratto nazionale agisce solo per default, dove non sia in grado di fare un accordo di secondo livello che secondo il viceministro si può realizzare a livello di gruppo, azienda, distretto, territorio incentivando la produttività. Non spiega cosa c'entra il salario minimo con la produttività ma forse non lo sa. Il tutto condito dalla boutade del carcere in Italia per gli imprenditori che non applicano il salario minimo, che ovviamente dovrà essere definito per legge. Finalmente un assist per il movimento sindacale e la Cgil. Concordo con il governo: se dovesse essere applicato, chiuderebbe tutti gli spazi di contrattazione collettiva”.

Leggi tutto...

Cgil: “Sicurezza sul lavoro, fatti passi indietro”

  • Pubblicato in Cronaca

ambulanzanuovoospedaleL'incidente di sabato mattina (5 aprile) avvenuto all'azienda cartotecnica Trascarta di Coselli dove un operaio è rimasto gravemente ferito ad un arto mentre lavorava ad una tubiera (Leggi) riporta in primo piano il tema della sicurezza sui luoghi di lavoro. Alessia Gambassi della Fillea Cgil di Lucca esprime solidarietà e vicinanza all'operaio e alla sua famiglia. “Questo ennesimo incidente - dice - invita però ad una riflessione e presa di coscienza sulla questione irrisolta, anzi aggravata dalla crisi, che è la sicurezza sul mondo del lavoro. Riflessione - dice - che deve coinvolgere tutte le parti istituzionali e sociali e deve portare ad un impegno formale affinché in ogni ambiente di lavoro e per tutti i lavoratori siano garantite adeguate misure di prevenzione e tutela della sicurezza”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter

-->