Quantcast

Vandali contro l’auto di Pini, il Pd Montecarlo attacca il sindaco

“È inaudito e inammissibile come un’amministrazione comunale riesca a rispondere ad un suo Consigliere che ha subìto un atto vandalico”. E’ il commento del Pd di Montecarlo dopo l’intervento in cui Fantozzi ha espresso il suo parere in merito agli sfregi vandalici subìti dall’auto del consigliere di minoranza, Pierguido Pini, due giorni fa.

“Di solito la prassi istituzionale vuole che si prenda le distanze da tali indecenze e che si prenda provvedimenti al fine di contenere simili atti. Invece la nostra amministrazione comunale, guidata dal sindaco Fantozzi – osserva il Pd -, si apre con acredine e sfottò ad una serie d’illazioni che spaziano su varie ipotesi, dall’atto passionale alla vendetta dei compagni di Partito”. “Certamente le forze dell’ordine – continua Franco Franceschini, segretario del Pd di Montecarlo – avranno poco lavoro su questo caso, archiviato come un mero atto che in qualche modo fa pubblicità per il consigliere. Incredibili le parole degli amministratori di maggioranza. Si può sapere quindi anche chi sono i vandali, visto che sono così sicuri di saperlo? Noi come partito ci siamo fatti una sonora risata e speriamo che se la faccia pure la signora Pini, in merito ad alcune supposizioni concepite. Tante corbellerie tutte insieme non si sono mai viste. Una cosa è certa: l’atto c’è stato e che sia o non sia politico, che sia passionale o casuale, qualcuno è stato – continua Franceschini -. A questo punto visto che il paese non è nuovo a questi atti urge che si mettano telecamere di videosorveglianza per tutelare l’integrità dei beni dei nostri cittadini. Non datecele a fine anno, ci vogliono subito, visto che nella stagione calda il Paese si anima. Quanto alla monotonia d’azione del consigliere Pini – conclude Franceschini sempre riferendosi alle parole del sindaco Fantozzi e contrattaccandolo- essa è dovuta alla mancanza d’iniziative della maggioranza che si trincera in una sostanziale propaganda, fatta di progetti strombazzati e mai attuati visto le esigue risorse e un bilancio dissestato, come ci ricorda la Corte dei Conti. L’istituto Pellegrini Carmignani è lasciato in pieno trasando ed i bagni che ci sono, non sono mai stati aperti. I fazzoletti di terra per fare gli orti? Non sono un’iniziativa finanziata dalla Regione Toscana? Ad Altopascio ne fanno 40. La riqualificazione delle mura, progetto mai nato. La Fondazione delle mura, mai nata. La riqualificazione della Piazza al Turchetto, mai nata. Le fognature in via di Montecarlo, mai nate. Il metano in Colmata, mai nato. Le navette che collegano le frazioni al capoluogo, mai nate. Il parcheggio nel centro storico, mai nato. E poi già l’ascensore. Mai nato. Ma che monotonia questa politica a Montecarlo…”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.