Varia (Ance): “Collodi, no allo stop del traffico pesante”

“A Collodi la viabilità sia collegata con il recupero urbanistico. Impensabile il blocco, anche solo temporaneo, del traffico pesante”. A dirlo è Stefano Varia, numero uno di Ance Toscana nord.

“Ribadiamo – osserva – la posizione da noi avanzata dopo l’assemblea del 28 febbraio a Pescia, in occasione dell’avvio al procedimento di predisposizione della variante per il recupero della cartiera Panigada; posizione rilanciata, senza possibilità di fraintendimento, anche dal sindaco di Villa Basilica in un suo recente pubblico intervento. In sostanza, diciamo no a qualsiasi ipotesi, anche solo temporanea, di contingentamento del traffico, che rappresenterebbe un danno irreparabile per l’economia delle aziende, soprattutto cartiere che movimentano la produzione da e per Villa Basilica. In questa logica, riteniamo che l’unica soluzione percorribile sia quella di realizzare la variante a Collodi, che dirotti il flusso veicolare fuori dal centro abitato secondo un progetto urbanistico armonico che riqualifichi la cartiera Panigada sulla base della destinazione ricevuta. Del resto, la stessa Regione ha legato i due aspetti, condizionando alla loro gestione comune la disponibilità di finanziare la progettazione della variante al traffico. Questa nostra posizione ha il duplice vantaggio di tutelare l’industria cartaria di Villa Basilica e di qualificare ulteriormente quella turistica di Collodi, entrambi settori da noi rappresentati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.