Insieme per Altopascio e Lega: “Il fontanello? Un abuso edilizio”

“Con un atto senza precedenti, l’amministrazione comunale di Altopascio è stata denunciata dalla sua stessa polizia municipale per abuso edilizio nella costruzione di un fontanello in piazza Vittorio Emanuele”. Lo sostiene il gruppo consiliare di opposizione Insieme per Altopascio.

“Un provvedimento gravissimo – prosegue la nota -, perché anche noi avevamo fino da subito, a febbraio, avanzato dubbi sulla collocazione di una struttura di quel tipo sia per motivi logistici che per evidenti problematiche urbanistiche. Una denuncia che comporta anche un aspetto economico. Il fontanello costa 45mila euro, come si legge nel cartello apposto sul cantiere. Ora, alla luce di questo atto, chi paga, visto che si tratta di soldi pubblici? D’Ambrosio e compagnia ci avevano risposto con la solita arroganza che il fontanello era una conquista epocale e che stava bene li. Oggi , però, arriva la denuncia per abuso edilizio e quindi l’obbligo di demolire la struttura. Un altro scivolone, l’ennesimo, che ci obbliga a chiedere con forza le dimissioni per manifesta incapacità di una maggioranza, che, in tutte le sue componenti, sta facendo danni per incompetenza e che è anche mal consigliata. Questo è l’ennesimo episodio di una lunga sequenza di errori e cattive interpretazioni che stanno facendo sprofondare ogni giorno di più Altopascio nel ridicolo. Non possiamo assistere a questo scempio perpetrato da incapaci e oltretutto presuntuosi amministratori pubblici. Li invitiamo a andare a lavorare davvero, evento che potrebbe contribuire alla loro crescita umana e politica, che oggi non si percepisce. In questo senso diventa allora addirittura farsesca la convocazione d’urgenza della giunta D’Ambrosio che ha cercato di rimediare addossando le colpe ad altri e comunicando lo spostamento a Spianate della struttura con un banale testo che tenta di minimizzare l’accaduto. Purtroppo siamo di fronte a un caso pietoso di incapacità che sarebbe meglio, per il bene degli altopascesi e delle aziende che insistono sul territorio, si concludesse quanto prima. D’Ambrosio, Toci e gli altri compagni, dopo avere pontificato per anni, alla prova dei fatti si dimostrano inadeguati. Se ne facciano una ragione e si dimettano, per il bene di tutti gli altopascesi”.
“È il regalo – affermano invece I consiglieri della Lega, Simone Marconi e Francesco Fagni – che questa amministrazione si fa per il secondo anno di mandato. Ovviamente cercheremo di capire nel dettaglio cosa è accaduto e vigileremo su questa (spiacevole) faccenda  interrogando la giunta.  Già aveva dell’incredibile la scelta di questa amministrazione di ubicare il fontanello in centro, accanto ad un palazzo storico. È ancora più incredibile la scelta di spostarlo (cioè demolirlo) dopo averlo realizzato, ovvero dopo aver speso 45.000 euro (così si legge dal cartello di cantiere) di soldi pubblici.
Auspichiamo un chiarimento urgente da parte del sindaco e della sua giunta sperando che, come già successo per il caso dei rifiuti pericolosi, non ci siano altre sorprese in questa ennesima pratica nata male e finita peggio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.