Polemiche su centro islamico, salta voto in Consiglio

Centri abitati più vivibili e con maggiore sicurezza stradale grazie a una modifica al regolamento edilizio cui sta lavorando l’amministrazione comunale di Capannori. Le nuove edificazioni e i cambi di destinazione d’uso di fabbricati già esistenti destinati ad attività culturali, ricreative, religiose, sportive e dello spettacolo, dovranno essere dotate di ampi parcheggi su un’area di esclusiva proprietà e di un’adeguata viabilità. La novità è frutto di un percorso condiviso, nato in seno al Consiglio comunale su proposta del sindaco Luca Menesini, e proseguito nelle sedute del mese di ottobre della commissione consiliare urbanistica. Ma su di esso si era scagliata l’opposizione, ritenendo l’operazione un modo di far passare il nuovo centro islamico a Capannori. In effetti, durante la seduta del consiglio comunale di oggi, Rontani ha fatto mancare il numero legale e la votazione è stata rinviata.

Nello specifico l’integrazione al regolamento edilizio stabilisce che nelle nuove edificazioni e nei cambi di destinazione d’uso di edifici esistenti, per superfici utili maggiori a 300 metri quadrati, escluso gli spazi accessori, destinati ad attività culturali, ricreative, religiose, sportive e dello spettacolo, il lotto urbanistico di riferimento dovrà essere dotato di uno spazio di parcheggio su area di esclusiva proprietà, della superficie minima equivalente ad uno stallo di sosta di 25 metri quadrati ogni 10 metri quadrati di superficie utilizzata, comprensivo dello spazio di manovra e di un’adeguata viabilità di accesso attraverso una strada di tipo “F” secondo quanto stabilito dal nuovo codice della strada.
“La nostra scelta va nella direzione di rendere i paesi di Capannori sempre più a misura di cittadino – commenta Guido Angelini, presidente della Commissione urbanistica – Considerato che la normativa nazionale negli ultimi anni ha introdotto semplificazioni che alleggeriscono le procedure per la realizzazione di interventi di ristrutturazione e riutilizzo di immobili esistenti con il rischio di alto impatto per il territorio, vogliamo tutelare la popolazione da nuove destinazioni che implichino una forte concentrazione di persone e automezzi senza che siano dotati di standard infrastrutturali. Per migliorare la sicurezza stradale e la vivibilità dei centri abbiamo quindi stabilito che le nuove costruzioni e i cambi di destinazione debbano avere adeguate dotazioni di parcheggio e debba essere verificata la viabilità pubblica a servizio delle stesse”.
“Avremmo voluto approvare oggi (30 ottobre) questo importante cambiamento a tutela della popolazione – conclude Angelini – ma il consigliere Rontani ha di proposito abbandonato la seduta della Commissione facendo venir meno il numero legale. Non lo trovo un comportamento responsabile nei confronti dei cittadini. Per questo siamo pronti ad approvare anche da soli la modifica al regolamento edilizio sia in commissione che nel prossimo Consiglio comunale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.