Capannori, inaugura la mostra ‘Era l’autunno del 1968’

È dedicata all’esplosione del movimento studentesco in provincia di Lucca la mostra fotografica Era l’autunno del 1968, inaugurata stamani (12 dicembre), nel palazzo comunale di Capannori. Curata da Giulio Angeli, Stefania Baschieri, Gianni Quilici, Mario Salvadori, Massimo Scapecchi e promossa da Arci Lucca Versilia, è un racconto di quel periodo attraverso testimonianze, foto, volantini e fumetti. Erano presenti all’inaugurazione l’assessore alle politiche per la comunità, Francesco Cecchetti, i curatori e altre persone che, a vario titolo, hanno contribuito all’esposizione.

La mostra nasce dalla pubblicazione del libro E la vita cambiò. Anche a Lucca, infatti, come in altre realtà, il movimento beat e il movimento contro la guerra nel Vietnam, costituirono le premesse culturali e politiche, che crearono le condizioni locali favorevoli a quell’esplosione. In questo contesto il movimento studentesco lucchese svolse un ruolo di attore protagonista, pur nascendo e sviluppandosi in una città di provincia. Il triennio 1968/69/70 vide la partecipazione di migliaia di studenti a scioperi, occupazioni, cortei, assemblee, dibattiti ed iniziative di lotta, che quasi ogni giorno si realizzavano negli istituti scolastici delle scuole medie superiori e nelle strade e nelle piazze di Lucca. La mostra racconta narrativamente e visualmente quei fatti. La mostra rimarrà visitabile fino al 31 dicembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.