Lazzareschi (FI): “A Capannori va risolto il problema del traffico pesante”

A Capannori è necessario pensare a “una viabilità alternativa” al viale Europa, a fronte di alcuni recuperi di imprese e cartiere che sono stati compiuti in questi anni. Lo sostiene il consigliere comunale di Forza Italia Daniele Lazzareschi nel sollevare la questione del traffico pesante nella Piana di Lucca e dell’inquinamento dell’aria. 

“Sentiamo parlare spesso di grande viabilità ma non viene mai deciso niente da parte delle amministrazioni locali e in particolare da Capannori per quello che riguarda il viale Europa dove c’è un inquinamento ai massimi livelli. In questi anni molti recuperi di vecchie cartiere o edifici sono stati fatti da imprenditori portando lavoro e recuperando strutture che ormai erano fatiscenti Quello che mi dispiace è che ancora una volta il comune di Capannori non pensi a viabilità alternativa, a strade nuove, a piccole bretelline o ampliamenti di strade. Niente viene fatto. Penso a San Pietro a Vico dove all’ex Mulino Maionchi sono stati costruiti enormi silos che sicuramente porteranno ad un aumento dell traffico di mezzi pesanti per il trasporto considerando che in quella zona ci sono ben due cantiere. L’amministrazione dovrebbe pensare a rendere più fruibile il traffico e perché no magari usando la stazione di San Pietro a Vico. Purtroppo ancora una volta  pagheranno i cittadini e in particolare di Marlia, soprattutto coloro che abitano in via dei Masini che contestano giornalmente i danni provocati dal traffico pesante”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.