Quantcast

Fondazione Lazzareschi, le cartiere in mostra tra passato e futuro

Ancora due giorni per visitare la mostra dedicata alla carta allestita all’interno della Fondazione Lazzareschi di Porcari. Dopo il successo della visita guidata di ieri sera (28 maggio) la mostra Una storia al futuro sarà aperta fino a domani (30 giugno). All’interno sono presenti i fotografi del gruppo Amici di scatto ai quali si deve la sequenza di immagini dedicate alle cartiere storiche e ai più moderni impianti del distretto lucchese. Insieme a Cristina Lazzareschi e all’architetto Claudio Cammarata, autore dell’allestimento, i fotografi hanno ripercorso e illustrato le tappe della storia legata al più importante settore economico della lucchesia, che ci vede leader in Europa.

Un viaggio nel tempo quello che la mostra propone, ma anche nei luoghi. Attraverso una serie di immagini il visitatore può percorrere la via delle Cartiere e ammirare veri reperti di archeologia industriale entrando all’interno delle cartiere Nardi e Birindelli, seguire la storia e il prezioso lascito di alta artigianalità della carta a mano e dell’arte delle filigrane della cartiera Magnani di Pescia, oggi impresa social. Fra gli spanditoi, il vecchio maglio, la carta paglia la storia della carta torna viva. “Quanto sacrificio, quanta fatica, ma anche quanta passione e inventiva – scrive Cristina Lazzareschi nella premessa al catalogo della mostra che comprende testi di Massimiliano Bini, Paolo Carrara, Enrico Fontana, Renzo Sabbatini, Claudio Romiti, edito da Pacini Fazzi – hanno dato corpo a una realtà, una storia che parte da lontano, ma che ha ancora molto da trasmettere”. Una storia che parla al presente quando al piano interrato della Fondazione troviamo, circondato simbolicamente dalle immagini della realtà produttiva del passato, stampate su carta Magnani, una sezione tutta dedicata al presente e al futuro. Uno spazio illuminato, delimitato da un cubo in cartone al cui interno troviamo una sequenza di immagini dedicate ai moderni impianti produttivi del distretto cartario lucchese all’interno del quale, in una apposita postazione, possiamo godere della visione di un filmato 3d che trasporta nel moderno impianto che Sofidel ha appena inaugurato negli States. A sottolineare quanto la carta, la nostra, abbia potenti radici nel passato ma uno sguardo sempre aperto al futuro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.