Figli al nido, a Capannori buoni servizio fino a 400 euro

A Capannori anche il prossimo anno saranno messi a disposizione i Buoni servizio come aiuto concreto per le famiglie con bambini, che essendo in lista di attesa per i servizi comunali di prima infanzia (3-36 mesi) gestiti direttamente dal Comune, iscrivono i propri figli ai nidi privati autorizzati e accreditati con l’ente comunale.

I Buoni servizio sono finanziati dalla Regione Toscana con risorse provenienti dai fondi regionali, statali e dell’Unione Europea per assicurare pari opportunità all’accesso ai servizi educativi, avendo l’amministrazione comunale di Capannori aderito al Por Fse 2014-2020 avviso pubblico finalizzato al sostegno dell’offerta dei servizi per la prima infanzia (3-36 mesi) per l’anno educativo 2019/2020. Le famiglie che hanno i figli inseriti nella graduatoria dei nidi d’infanzia comunali di Capannori per il prossimo anno educativo e con un Isee in corso di validità inferiore a 27mila euro possono fare domanda per l’ottenimento dei buoni entro e non oltre il prossimo 30 agosto all’ufficio politiche culturali e prima infanzia del Comune. Il contributo può avere un importo massimo di 400 euro mensili e viene assegnato fino ad esaurimento delle risorse disponibili, che verranno erogate dalla Regione Toscana. Il contributo andrà a coprire la differenza tra la retta che la famiglia avrebbe pagato nella struttura comunale calcolata in base all’Isee e quella della struttura privata autorizzata e accreditata per i mesi di effettiva frequenza. I bonus sono ‘spendibili’ anche presso strutture autorizzate e accreditate anche di altri Comuni che hanno fatto regolare manifestazione di interesse. 
“I Buoni servizio rappresentano un importante sostegno concreto per quelle famiglie che non sono riuscite ad accedere ai servizi per la prima infanzia gestiti direttamente dal Comune – afferma l’assessore alla scuola Francesco Cecchetti-. Una misura significativa finalizzata a garantire a tutti l’accesso ai servizi di prima infanzia che sono di fondamentale importanza principalmente per l’educazione dei più piccoli, ma anche per consentire ai genitori e, in particolare alle mamme, di conciliare il lavoro con la cura dei figli”. 
I nidi privati autorizzati ed accreditati che hanno manifestato l’interesse ad aderire al progetto e a mettere a disposizione posti – bambino sono i seguenti: Cosimo, Marlia (Capannori); Angelo Custode, Tassignano (Capannori); Lo Scirocco, Lucca; Il Sole e la Luna, Lucca; Alice (Porcari); Gian Burrasca (Montecarlo); Il Cucciolo, Cascine di Buti (Buti), Via il Ciuccio, Borgo a Buggiano (Buggiano); Il Ranocchio (Ponte Buggianese).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.