Sibolla, Marchetti replica a Baccelli: “No ad attività burletta”

La valorizzazione delle riserve naturali del lago di Sibolla e del Padule di Fucecchio continua a tenere banco nel botta e risposta tra il consigliere di Forza Italia, Maurizio Marchetti, e l’esponente dem Stefano Baccelli. “Non capisco l’ostilità – dice oggi (14 ottobre) Marchetti – con cui il presidente della commissione regionale ambiente Stefano Baccelli del Pd tratta il centro di ricerca, documentazione e promozione del Padule di Fucecchio attaccando me che chiedo di valorizzarne l’esperienza riguardo alle riserve naturali del Padule di Fucecchio e del lago di Sibolla. Mi par ridicolo. Con i loro esperti e le organizzazioni ambientaliste, sono stati gli unici che negli anni hanno realizzato attività didattico-scientifiche di valorizzazione ambientale delle riserve. Oggi, trasferire competenze ai Comuni è un conto, escludere però queste esperienze dal protocollo di intesa e consentire attività-burletta come il Sibolla horror realizzato l’anno scorso dal Comune di Altopascio è un altro. Qui si squalifica la riserva, altro che valorizzazione”.

Questa la replica che arriva dal capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti, promotore di una mozione in cui impegna la giunta toscana a non marginalizzare né comprimere ruolo e attività del centro e di coloro che vi operano, alla quale Baccelli sabato (12 ottobre) aveva replicato (leggi). “L’anno scorso – ricorda Marchetti – coi primi fondi ricevuti per la gestione della riserva del Sibolla il Comune di Altopascio ha organizzato la proiezione di filmini dell’orrore. Ora, io sfido Baccelli ad affermare che questo è stato un momento di valorizzazione di un’area di pregio naturalistico riconosciuto anche attraverso vincoli sovranazionali. Per questo chiedo linee guida per gli enti locali. E per questo chiedo che chi invece svolge opera di divulgazione e ricerca in senso didattico-scientifico non sia escluso dalla nuova governance”. Marchetti continua: “Voglio evitare a ogni costo – afferma – che le riserve naturali divengano luoghi in abbandono e di frequentazioni dequalificate. Riguardo al Sibolla, mi preme ricordare a Baccelli che la struttura in legno del centro visite l’abbiamo inaugurata assieme il 15 giugno 2013, io sindaco di Altopascio e lui presidente della Provincia. Ebbene: da allora, a parte i filettini che francamente si potrebbero proiettare anche al circolino, ha avuto utilizzo minimale e la manutenzione è prossima allo zero”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.