Trans, prostitute e fede: ad Artè il documentario di Maria Arena

Venerdì (15 novembre) alle 21 ad ingresso libero ad Artè nell’ambito della rassegna Wonder women curata da Spam! sarà proiettato il film Gesù è morto per i peccati degli altri dell’artista e regista Maria Arena.

Gesù è morto per i peccati degli altri racconta la vera storia dei trans, dei travestiti e delle prostitute che vivono a Catania, nel quartiere di San Berillo, il quartiere delle buttane, un pugno di strette vie in rovina che fino agli anni Cinquanta erano il cuore commerciale e artistico della città. Per i sette protagonisti del documentario la quotidiana attesa dei clienti è segnata dai ritmi delle feste popolari dedicate a Santi e Madonne. Come novelle Samaritane, le buttane di San Berillo raccontano il loro incontro con la parola di Gesù Cristo e senza vergogna parlano di fede e prostituzione.
Prodotto dalla Invisibile Film, da Maria Arena e da Josella Porto, sostenuto anche da un crowdfunding internazionale, il documentario si avvale di una colonna sonora affidata a musicisti catanesi che conoscono e vivono il quartiere di San Berillo. Sotto la direzione artistica di Stefano Ghittoni, troviamo i brani inediti di Cesare Basile, Agostino Tilotta e Pippo Rinaldi Kaballà e i brani di Uzeda e Turi Zinna. Distribuzione Berta Film.
Il film, ha ricevuto diversi premi: menzione speciale della giuria a Sciacca Film Fest 2015; Premio Rosebud opera prima’ a Maria Arena al 20esimo CostaIblea Film Festival; Premio Marcella Di Folco al primo Divine Queer Film Festival, Torino 2015.
Alla serata, realizzata in collaborazione tra Spam! e il Comune di Capannori, sarà presente Maria Arena che introdurrà il film e illustrerà un suo nuovo film documentario Il terribile inganno, dedicato al femminismo contemporaneo, progetto che è possibile sostenere attraverso un crowdfunding (maggiori info su www.spamweb.it/it e nell’evento FB).
La rassegna Wonder women, curata e realizzata da Aldes con il patrocinio e la collaborazione dei Comuni di Lucca e Capannori, e il sostegno di Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Repulp, è un tributo a tutte le donne che hanno avuto la tenacia, il talento e la fortuna necessarie ad emergere e lasciare un segno nella storia delle arti e del pensiero.
Ingresso libero – info 348.3213504 – residenze@spamweb.it – info@spamweb.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.