Villa Basilica, ricostituita la sezione dell’istituto storico

Alla presenza del presidente della sede centrale dell’Istituto storico lucchese Antonio Romiti, nella sala convegni del Comune di Villa Basilica, si è ricostituita la sezione locale del prestigioso ente di ricerca. La sezione di Villa Basilica fu fondata per la prima volta nel 1981. Composta in origine da 40 soci, visse alterne vicende che terminarono con lo scioglimento all’inizio del nuovo millennio. Fino al 18 ottobre scorso, quando, per iniziativa dell’esperto di storia locale Michele Lurci, si è radunato un nuovo gruppo di appassionati e studiosi sotto l’egida dell’Istituto Storico Lucchese.

È così che, a distanza di quasi quaranta anni dalla prima fondazione, rinasce la sezione di Villa Basilica grazie ai 22 soci aderenti al momento della ricostituzione, che hanno permesso di superare ampiamente il numero minimo stabilito dal regolamento della sezione centrale.
Una dimostrazione, questa, del sentito interesse per la millenaria storia di questo territorio e della forte volontà a valorizzarlo e comunicarlo. Lo conferma la provenienza dei soci: non solo villesi ma un insieme variegato di persone che, a Villa Basilica, hanno deciso di mettere a disposizione, liberamente e senza fine di lucro, le proprie competenze nel nome della passione per questo angolo di Lucchesia.
Lo scopo dell’Istituto storico lucchese è, infatti, quello di “promuovere iniziative ai fini della conoscenza della storia del territorio e, in particolare, divulgare i risultati di tali attività, sia con manifestazioni, sia con pubblicazioni, anche in collaborazione con altri enti, istituzioni, associazioni”.
Michele Lurci, acclamato da tutti i soci direttore di sezione fin dalla ricostituzione, ha ribadito proprio l’importanza e la volontà di collaborare con gli altri soggetti del territorio che hanno simili finalità, a partire dal Centro Commerciale Naturale di Villa Basilica, tra le cui competenze vi è anche la gestione della rinnovata Rocca del tredicesimo secolo, oggetto di recente restauro e valorizzazione.
“Sono rimasto felicemente sorpreso del riscontro che ha avuto questa iniziativa ed anche della disponibilità che mi è stata data da tutti i soci aderenti – afferma il direttore Michele Lurci -, sono convinto che durante questo mandato riusciremo a rivalorizzare la plurimillenaria storia di questo territorio”.
Tra gli obiettivi specifici che la sezione si è data fin dalla seconda riunione, tenutasi il 22 novembre scorso, vi sono: l’attività didattica con le scuole locali e non; l’attività di ricerca sui sistemi di avvistamento e segnalazione della Rocca nel Basso Medioevo, nonché sulle celebri spade prodotte dalla famiglia Biscotti ed esposte nei più importanti musei del mondo.
“Un’altra iniziativa che vorrei intraprendere, seguendo indicazioni tramandateci da generazioni di villesi ma ad oggi non supportate da idonea documentazione – continua Lurci -, è indagare tramite georadar l’esistenza di un tunnel che dal paese di Villa Basilica conduceva direttamente alla Rocca, con lo scopo di proteggere gli abitanti in caso di attacco nemico. Ma non è tutto: penso alla fabbricazione della carta, all’invenzione della carta paglia, alla lavorazione della seta e del rame, solo per citare le più importanti attività che hanno reso questo territorio famoso in tutta Europa. Per non parlare poi dei suoi personaggi illustri”. A oggi i soci sono 28. Le adesioni alla Sezione di Villa Basilica dell’Istituto Storico Lucchese sono aperte a chiunque desiderasse farne parte, condividendone gli scopi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.