Lega: “Natale, commercianti Altopascio abbandonati dal Comune”

Fagni e Marconi: "Negozi locali vanno aiutati e sostenuti"

Natale ad Altopascio, l’opposizione punta il dito contro l’amministrazione, rea, a detta della Lega, di aver lasciato soli i commercianti.

A parlare sono i consiglieri leghisti Francesco Fagni e Simone Marconi: “Nemmeno l’atmosfera natalizia servirà probabilmente a tirar su il morale dei commercianti altopascesi – dicono – Abbiamo fatto una chiaccherata con un po’ di operatori del “vecchio” Centro commerciale naturale e quello che  emerge è un quadro veramente desolante. Delusione e rassegnazione sono i sentimenti che prevalgono, per la totale assenza di un benchè minimo straccio di iniziativa da parte dell’amministrazione comunale. Non una comunicazione, non un volantino, non un cenno da parte di questa giunta che possa far ben sperare”.

“Siamo al 6 dicembre – proseguono i consiglieri – e si vocifera soltanto di una riunione “carbonara” di qualche settimana fa dell’assessore al commercio, che si sarebbe incontrato in gran segreto con pochi “fortunati” per decidere… cosa non si sa. E non basta aver acceso con qualche giorno di anticipo la luminaria in centro (pure quella triste, come questa amministrazione) per creare un’atmosfera che solo i commercianti stessi, con le loro forze e con il loro spirito di iniziativa sapranno farci sentire. Non sappiamo più cosa dire, ormai c’è incredulità anche da parte nostra per l’estrema pochezza di questi amministratori”.

“Un disastro su tutti i fronti – è il commento di Fagni e Marconi – Annunci trionfalistici in continuazione sui giornali… salvo scoprire qualche settimana o qualche mese dopo che di tutto ciò non c’è niente di vero. Mancanza totale di contatto con il territorio; rapporti personali assenti; una macchina comunale distrutta, che non si sa come possa portare questa legislatura a fine mandato. Pensare che in campagna elettorale proprio la D’Ambrosio parlava di condivisione con il territorio, parlando delle opere e delle iniziative che prospettava… e parlava di programmazione! Ma quale programmazione? Quella che non c’è mai stata? Se fino a qualche settimana fa si navigava (navigavano) a vista, ora non si naviga nemmeno più… si tenta (tentano) piuttosto – maldestramente – di sopravvivere”.

“Tornando ai nostri commercianti ci chiediamo come possano essere trattati in questo modo. Sono il presidio primario per la sopravvivenza della nostra cittadina e perciò vanno aiutati e sostenuti. Il nostro appello ai nostri concittadini quindi è questo: frequentiamo il nostro paese. Compriamo i nostri regali di Natale nei negozi di Altopascio e non fuori comune, o peggio su internet: in qualche caso probabilmente spenderemo qualche euro in più… ma avremo la soddisfazione di aver contribuito a tenere viva una comunità: la nostra”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.