Porcari, un nuovo turno serale per la municipale

Il sindaco dopo la rapina alla commerciante: "Videosorveglianza raddoppiata, andiamo avanti con il nostro impegno"

“Nessun sindaco vuole insicurezza e pericolo per la propria comunità. L’aggressione subita da Piera poco dopo aver chiuso il proprio negozio è un fatto grave. A pagarne le conseguenze più importanti è senz’altro lei, alla quale voglio esprimere, a nome di tutta Porcari, piena solidarietà e vicinanza”. Leonardo Fornaciari stigmatizza così l’episodio avvenuto sabato scorso (18 gennaio) ai danni della commerciante di Antichi Sapori, l’alimentari sulla via Romana ovest.

Porcari, una raccolta fondi per la commerciante rapinata. La figlia: “Tre anni fa lo stesso copione”

“Non voglio sottostimare – continua il sindaco di Porcari – il senso di incertezza che può diffondersi nella percezione collettiva. Ed è proprio per questo che la nostra amministrazione ha lavorato e continua a lavorare perché tutti possano vivere il territorio senza paura. Abbiamo ottenuto recentemente 9mila euro per la sicurezza, che andranno a sommarsi ai 6mila già stanziati: li destineremo a un nuovo turno serale della polizia municipale”.

“Una misura concreta – incalza Fornaciari – che va a sommarsi ai passi in avanti compiuti negli ultimi anni. Anzitutto è stata rinnovata l’illuminazione pubblica. Sono state raddoppiate le telecamere di sorveglianza e sono state collegate a un nuovo sistema di gestione informatizzato ed efficiente. Mi preme sottolineare infatti che le telecamere, da sole, altro non sono che uno strumento: noi ne abbiamo potenziato l’utilizzo, acquistando un server nuovo che permette un controllo reale delle immagini acquisite”.

“I Comuni hanno risorse economiche limitate ma, al tempo stesso – evidenzia il sindaco di Porcari – possono programmare e progettare per intercettare linee di finanziamento messe a disposizione dalla Regione o dal ministero. Ed è così che ci siamo mossi, partecipando e vincendo a due bandi per innalzare il livello di sicurezza dei cittadini. Episodi come quello di sabato scorso non devono scoraggiare: faremo il massimo, faremo sempre di più. Abbiamo il diritto di vivere i luoghi che ci appartengono senza inquietudini”.

“In questo senso – conclude Fornaciari – faccio appello al senso di responsabilità di tutti perché l’aggressione subita da Piera non divida la comunità di Porcari. C’è bisogno di solidarietà, di fidarsi gli uni degli altri. Le strumentalizzazioni facili, invece, non servono a nessuno: rimbocchiamoci le maniche e continuiamo a lavorare per una Porcari viva, sicura, bella”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.