Antifurto nelle case, in 24 chiedono fondi al Comune

L'iniziativa per la prevenzione riscuote successo: ora sarà composta una graduatoria per l'erogazione dei contributi

Successo per il bando del progetto Casa al sicuro con il quale l’amministrazione Menesini intende sostenere concretamente i nuclei familiari che vogliono una maggiore sicurezza nella propria abitazione. Sono infatti 24 i cittadini che hanno presentato domanda per ricevere il ‘bonus’ per l’installazione di un allarme domestico. Adesso il Comune stilerà una graduatoria degli aventi diritto al contributo, che potrà coprire fino al 50% del costo del dispositivo di sicurezza (Iva inclusa) per un massimo di 1500 euro.

L’amministrazione comunale di Capannori si farà carico di comunicare agli aventi diritto l’ottenimento del contributo entro la fine del mese di febbraio per dare loro il tempo di installare il dispositivo di sicurezza e di presentare copia del certificato di conformità a regola d’arte dell’impianto, insieme alla copia della fattura dell’intervento debitamente quietanzata, e quella del bonifico bancario entro il 31 maggio 2020. Condizione indispensabile per avere diritto al ‘bonus’.

“Siamo di fronte ad un risultato molto soddisfacente che dimostra come alla concreta attenzione al tema della sicurezza manifestata dalla nostra amministrazione corrisponda una reale e sentita esigenza di sicurezza da parte della popolazione, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione – spiega l’assessore alla sicurezza urbana, Lucia Micheli – Una nuova misura che ne affianca altre, finalizzate proprio alla prevenzione, già messe in campo, come le telecamere di sicurezza sul territorio, i gruppi Whatsapp e il controllo di vicinato. Alla luce del successo ottenuto da questo bando fin da subito ci metteremo al lavoro per studiare ulteriori iniziative analoghe o di altro genere accedendo anche a risorse extra comunali, perché sentirsi al sicuro è un diritto di tutti”.

Costituiscono elementi di punteggio per la stesura della graduatoria: la presenza in famiglia, alla data del 31.12.2020, di almeno un minore di 12 anni o di una persona di almeno 70 anni. Altri elementi sono anche la presenza di persone che vivono da sole e la presenza in famiglia di una persona con disabilità pari o superiore al 75%. Priorità anche in base al reddito Isee secondo le seguenti fasce: tra 0 e 15.000 euro; tra 15.000,01 euro e 30.000 euro e tra 30.000,01 euro e 45.000 euro.

Per partecipare al bando era necessario essere in possesso di un Isee fino a 45 mila euro, un valore che ha permesso di raggiungere la “fascia media” della popolazione, oltre che quelle più deboli, essere residenti nel comune di Capannori e titolari di diritto di proprietà, o locatari, comodatari, titolari di usufrutto o diritto di abitazione, con autorizzazione scritta del proprietario.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.