Giorno della memoria, inaugurata la mostra al liceo Majorana sullo sterminio dei disabili

Sotto la lente il progetto Aktion T4, portato avanti da Hitler durante il nazismo

Per imparare l’accettazione e l’inclusione del diverso senza lasciare che il ricordo svanisca. È con la mostra Ricordiamo. Perchè non accada mai più che il liceo scientifico Ettore Majorana di Capannori commemora il piano di uccisione delle persone con disabilità portato avanti dalla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.

L’iniziativa, che rientra nella rassegna Come tu mi vedi – Aktion T4, promossa dal Comune di Capannori in occasione della Giornata mondiale della ,emoria (27 gennaio), è stata organizzata dal liceo Majorana in collaborazione con l’associazione regionale Anffas Onlus Emilia Romagna e l’associazione Amici dell’Anffas.

Al taglio del nastro di oggi (21 gennaio), erano presenti l’assessore alla cultura del Comune di Capannori, Francesco Cecchetti, il dirigente scolastico del liceo Majorana, Luigi Lippi, il direttore di Anffas Lucca, Manuel Graziani, i docenti Lorenzo Cesana e Orazio Trinchera e gli studenti che si sono occupati del progetto.

La mostra parla  del programma di eutanasia dei disabili, Aktion T4, portato avanti da Hitler: “Fu lo sterminio – dice il professor Trinchera –  di 300mila bambini e adulti innocenti in nome della purezza della razza e del risparmio di risorse economiche. Seguendo il percorso espositivo nelle due sale – spiega –  si può comprendere come questa sia stata la prova generale dell’olocausto”.

Solidarietà, accettazione e inclusione del diverso, questa mostra non è soltanto storica – dice Manuel Graziani, direttore di Anffas Lucca – ma anche etica. Dall’esposizione possiamo capire come il problema fu sradicato e poi giustificato con basi anche scientifiche in nome del progresso, della purezza della razza. Oggi per fortuna non è più così, o almeno non lo è in questa scuola che da sempre si batte per i diritti di tutti”.

A sottolineare l’apertura del liceo Majorana verso il territorio e verso l’inclusione è proprio il dirigente, il professor Luigi Lippi: “L’istituto, già dal 2007, ha messo in atto un piano per integrare gli studenti con disabilità che si sono sempre sentiti accolti nel nostro istituto. In questo modo anche gli altri ragazzi hanno imparato la solidarietà e l’accoglienza verso questi tipi di disagi”.

La mostra è gratuita, su prenotazione, fino al primo febbraio, chiamando il numero 0583.428335 o scrivendo una mail. Grazie al progetto alternanza lavoro realizzato in collaborazione fra liceo Majorana e Anffas Lucca, saranno gli stessi studenti a fare da guida. La mostra rimarrà aperta dal lunedì al sabato (escluso il 27 gennaio), dalle 10,20 alle 12,15 e da oggi (21 gennaio), fino a giovedì (23 gennaio), il 27 e il 30, anche dalle 15,30 alle 17.

Le iniziative di Come tu mi vedi – Aktion T4 vedono anche la collaborazione di Regione Toscana, Istituto Storico della Resistenza, Cooperativa sociale Crea, Azienda Asl Toscana nord ovest, associazione Bi-done, Cineforum Ezechiele 25,17 e lo storico dell’età contemporanea Lorenzo Orsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.