Religioni e futuro al centro dell’incontro a Capannori

E' possibile un'etica condivisa? Le sfide della collaborazione affrontate dai rappresentanti delle diverse comunità

Le religioni come risposta alle sfide del futuro. È questo il tema al centro del confronto in programma venerdì (21 febbraio) alle 18 nella sala consiliare in piazza Aldo Moro a Capannori, al quale prenderanno parte Vannino Chiti, l’Imam di Firenze Ezzedin Elzir , Mario Fineschi della comunità ebraica e padre Guidalberto Bormolini dei Ricostruttori. Ma non solo. L’incontro sarà anche un’occasione per ascoltare le opinioni dei protagonisti in merito a una possibile collaborazione tra religioni diverse per affermare e diffondere un’etica condivisa.

L’evento è promosso dalla Comunità dei Ricostruttori in collaborazione con il Comune di Capannori e nasce dalla provocazione lanciata da Vannino Chiti con la pubblicazione che porta appunto il titolo Religioni e sfide del futuro.

A moderare il dibattito Alessandro Bedini, saggista e giornalista. “Con tenacia coltiviamo il progetto di un’etica condivisa perché le religioni sono portatrici di una ricchezza spirituale che, sola, può dare all’uomo contemporaneo un orizzonte di speranza e significato al futuro”, sottolinea padre Bormolini.

La religione, dunque, come strumento di dialogo e confronto fra le persone, senza muri e preconcetti. “Del dialogo abbReliamo oggi più che mai bisogno – afferma Chiti -. Soprattutto di un dialogo vero, consapevole della propria identità, fondato sulla capacità di ascolto, sulla conoscenza e sul rispetto degli altri, sulla disponibilità a cambiare le proprie idee. Ritengo che all’inizio di una nuova epoca della storia umana, densa di potenzialità e rischi, mentre intorno a noi cambia tutto, sia necessario contribuire a realizzare ponti, non abbatterli. Inventare occasioni di confronto, non chiudersi nell’autosufficienza, dar vita, per quello che si può, a un dialogo tra religioni, culture, scienza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.