Tra le vetrine di Altopascio: “Qua non si parla di Coronavirus, torniamo alla normalità”

Psicosi anche nella cittadina del Tau, c'è chi la prende con ironia: "Con l’acquisto dell'amuchina, un orologio Eberhard omaggio"

“Per sconfiggere la paura, si pensa di solito che serva il coraggio. E invece no. Prima del coraggio, serve la dignità, cioè quel momento in cui dici che hai una vita sola e non puoi passarla tremando. E, soprattutto, non puoi accettare di essere soltanto una zampa che trema: sei anche un cervello, che guarda, capisce, reagisce e soprattutto sceglie cosa e come deve essere”. È questa la morale di una favola orientale, quella del coniglio fifone, raccontata ieri sera (26 febbraio) da Stefano Massini a Piazza Pulita. Parole toccanti che raccontano a perfezione il momento in cui stiamo vivendo, quello da psicosi da Coronavirus.

Anche in Provincia di Lucca, nonostante nessun caso di Covid-19, non si esce per paura di contrarre il virus, si preferisce restare a casa con i locali che restano vuoti, si prendono d’assalto i supermercati. Una psicosi che è arrivata anche nel paese di Altopascio, con i commercianti del centro che hanno riscontrato un calo della clientela.

Tra questi c’è La Dogana, diventata ormai tappa fissa per colazioni, pranzi, merende e aperitivi. Dopo i primi giorni di paura e poca gente in giro, anche ad Altopascio la situazione sta ormai tornando alla normalità. La Dogana di Fabio e Mirko ha voluto lanciare un bel messaggio di positività, attaccando un foglio molto chiaro all’entrata: “Qui non si parla di Coronavirus. Entra e rilassati come tutti i giorni #RitornoAllaNormalità”. Tanti sorrisi e taglieri con prelibatezze made in Dogana per sconfiggere la paura da Coronavirus.

Taglieri salumi

La psicosi, tra l’altro, ha scatenato la vergognosa speculazione su alcuni prodotti online, con i prezzi delle mascherine e dei gel disinfettanti saliti alle stelle. L’amuchina in questi giorni è letteralmente introvabile. In un clima del genere, c’è anche chi la prende in maniera più leggera, con ironia, facendo fare due risate a tutti gli altopascesi. In un famoso e storico negozio di via Cavour, la gioielleria Reggiani, in vetrina, tra i tanti orologi, è apparsa l’amuchina con il simpatico prezzo di 15mila euro e la scritta: “Con l’acquisto di questo gel disinfettante, un orologio Eberhard omaggio!”.

Cartelli Coronavirus Altopascio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.