Quantcast

Emergenza, Bartolomei (Lega): “Servono aiuti concreti a famiglie e tessuto produttivo”

Il consigliere comunale chiede all'amministrazione un confronto in videoconferenza tra capigruppo

“Tagliare il superfluo e destinare risorse alle famiglie e al tessuto economico e produttivo”. E’ questa la richiesta del capogruppo della Lega in consiglio comunale a Capannori Salvadore Bartolomei all’amministrazione.

Rinviare i pagamenti al 30 settemre così come annunciato dal sindaco Menesini, significa aver compiuto un primo passo,  che però, se dovesse  rimanere isolato, servirebbe onestamente a poco – spiega Bartolomei -. Non vorremmo che l’amministrazione comunale, partisse da un assunto e cioè che il decreto Cura Italia, possa curare l’Italia . Non è così, il governo ha stanziato fondi ampiamente insufficienti e talvolta nella direzione sbagliata. E il nostro tessuto sociale e economico , se lasciato solo, rischia di pagare un prezzo salatissimo”.

“Rimandare i pagamenti dunque, non basta – va avanti il capogruppo della Lega -. Molto presto si dovranno sostenere i bisogni reali delle famiglie e del tessuto produttivo e in un momento di eccezionale gravità serviranno sforzi eccezionali. In questo scenario, il Comune di Capannori dovrà fare la sua parte. Ci viene detto che il bilancio comunale gode di ottima salute, bene, è il caso di utilizzarlo. Non solo posticipando i pagamenti  ma vista la gravità del momento, anche azzerando e/o riducendo al minimo tutta la pressione fiscale, e agendo anche attraverso un sostegno diretto alle famiglie”.

“Fin da subito, abbiamo dato totale disponibilità a collaborare con il sindaco e la maggioranza – continua Bartolomei – In questo periodo di emergenza sanitaria, siamo stati vigili cercando però di evitare al minimo le polemiche per facilitarne la gestione. Adesso però bisogna cominciare a confrontarsi. Capisco che organizzare un consiglio in videoconferenza sia difficoltoso, ma almeno qualche commissione capigruppo con la presenza del sindaco o di un suo delegato poteva e adesso va, messa velocemente in piedi”.

“La prima cosa da fare – conclude – sarebbe organizzare una task force, o utilizzare la commissione bilancio, per fare una seria ricognizione delle spese di bilancio. Tagliare tutto ciò che si può tagliare senza toccare i servizi essenziali e destinare nuove risorse, compatibili con il nuovo bilancio, a sostegno delle nostre famiglie e del nostro tessuto produttivo e economico. Non è il momento di organizzare feste e di fare progetti faraonici e non lo sarà per un bel po’. Su questo saremo inflessibili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.