Virus, Altopascio plaude alla riapertura alla vendita di materiale scolastico

D'Ambrosio: "Una piccola cosa, ma significativa per molti"

Battaglia del ‘pennarello’: vinta. Da oggi ad Altopascio, come nel resto della Toscana si può tornare ad acquistare articoli di cartoleria, giochi e giocattoli, piante e semi anche nei supermercati e all’interno delle altre attività commerciali di vendita di generi alimentari non soggette a chiusura.

Chi invece rientra nelle categorie soggette a chiusura può vendere gli stessi prodotti online o attraverso consegne a domicilio.

Ad annunciarlo sui social il sindaco Sara D’Ambrosio: “Avevo notato la fettuccia bianca e rossa in alcuni reparti dei supermercati, avevo ricevuto segnalazioni di genitori in difficoltà a reperire materiale scolastico, per la creatività dei bimbi o anche solo giocattoli. Mi sono mossa con la Regione Toscana affinché seguisse le orme della Regione Piemonte e garantisse la vendita di questi prodotti, che in questa quarantena possono essere di aiuto, soprattutto per i più piccoli. Ecco qui il risultato: la Regione ha firmato l’ordinanza. Una piccola cosa, significativa per molti. Ci tengo a essere un sindaco vicino al territorio e ai miei cittadini – conclude –  piccoli o grandi che siano. Uniti ce la facciamo e nessuno resta indietro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.