Riaperta la riserva del Sibolla, un residente: “Manca la vigilanza”

Segnalazioni anche dal Wwf: "A rischio la nidificazione di spatola e mignattaio"

Riapre la riserva del Sibolla e ripartono le polemiche. A stigmatizzare il cattivo comportamento di alcuni è un cittadino, ambientalista e vicino al Wwf. L’associazione ha segnalato la situazione ai carabinieri forestali, alla polizia provinciale e a quella municipale, nonché al sindaco di Altopascio e alla Regione Toscana “affinché ognuno, per la parte di rispettiva competenza, prenda gli opportuni provvedimenti”.

“Nonostante la riserva ospiti la più grande garzaia della Toscana – dice – l‘area protetta è assolutamente priva di vigilanza. Bracconaggio nei mesi invernali, vandali, fotografi indisciplinati, motociclisti e assembramenti notturni con musica ad alto volume in questi giorni mettono a rischio la nidificazione di specie rare e minacciate come la spatola e il mignattaio che, in regione, si riproducono solo alla Sibolla”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.