Acque spa, con i risparmi della bolletta elettronica donazioni agli ospedali

L'iniziativa era stata varata durante l'emergenza coronavirus

Si è chiusa nei giorni scorsi la campagna benefica di Acque per aiutare gli ospedali toscani tramite una “call to action” con gli utenti per il passaggio dalla bolletta cartacea a quella via e-mail. L’iniziativa ha messo insieme la praticità della comunicazione online e la sostenibilità ambientale (da sempre punti di forza della bolletta web) alla solidarietà nei confronti di medici e infermieri in un momento complicato come quello della lotta alla diffusione del Coronavirus. E a conti fatti, si può dire che è stato dato un grande aiuto, a partire da un piccolo gesto.

La campagna lanciata ad inizio aprile prevedeva una serie di donazioni in favore degli ospedali toscani, da parte di Acque, partendo da 2 euro per ogni utente che sarebbe passato al servizio gratuito che consente di ricevere la bolletta sulla propria casella di posta elettronica, al posto di quella cartacea: una somma non solo simbolica, ma che rappresenta il costo medio annuale della bollettazione domiciliare per ciascuna utenza. A questi 2 euro per ogni bolletta web, nel corso dell’iniziativa Acque ha effettuato donazioni aggiuntive, di 15mila euro ciascuna, a mano a mano che cresceva il numero di adesioni degli utenti: all’inizio della campagna, al raggiungimento delle 3mila nuove adesioni alla bolletta web, e infine alla chiusura del percorso, che è coincisa con l’arrivo all’altro traguardo, quello delle 5mila adesioni. Obiettivo superato, dato che in totale le nuove bollette web registrate sono state 5.916, che hanno portato quasi 12mila euro ad aggiungersi ai 45mila, per un totale di poco meno di 57mila euro raccolti. Le somme sono state messe a disposizione dell’​Estar, l’ente regionale di supporto tecnico-amministrativo, per sostenere l’attività degli ospedali della Toscana.

“Vogliamo ringraziare tutti gli utenti che hanno preso parte alla nostra iniziativa – commenta il presidente di Acque, Giuseppe Sardu – Con un loro semplice click, hanno reso possibile “un grande aiuto” nella lotta contro la diffusione del Covid-19 in Toscana. Al contempo, hanno facilitato le comunicazioni inerenti il servizio idrico, e hanno fatto una scelta di sostenibilità ambientale. Insomma, hanno dato un esempio di civiltà e di attenzione verso gli altri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.