Marchetti: “Altopascio, si sposti il cantiere alla stazione”

Il consigliere di Insieme: "I residenti non riescono nemmeno a dormire"

“Un cantiere è per sempre. Accade ad Altopascio, nella cui stazione ha trovato dimora quello per la manutenzione della linea ferroviaria. In mezzo alle case, operativo da mane a sera, non lascia nemmeno dormire la gente di notte messo così tra le palazzine. Lo si sposti al Frizzone. Sarebbe semplice se il Comune di Altopascio non si dimostrasse sempre così supino nei confronti di Ferrovie”: a indicare una soluzione alternativa per il cantiere ferroviario allocato nella stazione di Altopascio, in piena area abitata, è il Consigliere comunale altopascese di Insieme per Altopascio nonché Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

Dare voce alle proteste dei cittadini e possibilmente trovare un’alternativa: questo il proposito con cui Marchetti prende la parola. “Nella stazione le notti di mala movida si debbono ai camion operativi nel cantiere – racconta – che transitando e soprattutto scaricando il materiale di risulta del loro lavoro, in larga parte metallico, producono rumore quando non addirittura frastuono tenendo svegli i numerosi abitanti della zona. Va da sé: in estate con le finestre aperte per arieggiare, il disagio si massimizza”.

Proposte? “Si sposti il cantiere al Frizzone. L’accesso resta pratico, ma intorno non ci sono residenti. Bisogna intervenire perché si tratta di un cantiere di manutenzione e quindi stabile, non certo temporaneo”.

“E’ necessario – spiega Marchetti – che il Comune cambi il proprio atteggiamento supino e totalmente passivo nei confronti di Rfi, dimostrato anche con la vicenda sottopasso per il quale i cittadini tornano a chiedere confronto pubblico. Il progetto non ne ha mai avuto, non sono mai state prese in considerazione le istanze degli altopascesi. Peggio: non sono nemmeno mai stati interpellati malgrado nel tempo abbiano sollevato obiezioni e anche prodotto autonomamente studi d’impatto”.

“Il Pd che guida l’amministrazione altopascese – attacca Marchetti – non è capace di visione complessiva del territorio. Ma anche lo fosse, si dimostra incapace di incidere sui progetti e sulle azioni nell’ottica del bene comune. Eppure i cittadini tra esposti e prese di posizione la strada la indicano. Purtroppo con arroganza le sinistre capitanate ad Altopascio da D’Ambrosio&C. non intendono nemmeno prenderla in considerazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.