Ladri e vandali al cimitero di Lammari, Angelini (Pd): “Gestione alle associazioni di volontariato”

Il capogruppo in Consiglio: "Le realtà del territorio si occupino in convenzione di sicurezza e manutenzione"

Furti e danneggiamenti di notte al cimitero di Lammari, per il capogruppo del Pd di Capannori, Guido Angelini, serve un intervento urgente.

“Da alcuni giorni – spiega Angelini – il cimitero di Lammari è stato preso di mira da ladri che, senza scrupoli di coscienza, di notte rubano statue e candelabri di un certo valore. Ma i cittadini si lamentano giustamente anche perché vengono fatti danni maggiori del costo della refurtiva”.

“A mio avviso – spiega Angelini – è necessario e urgente che l’amministrazione comunale di Capannori e il sindaco in prima persona decidano di superare, quanto prima possibile, l’attuale affidamento, provvisorio e saltuario, dato per la sola manutenzione durante l’emergenza Covid 19. Assegnando la gestione organica e continuativa del cimitero di Lammari (così come avviene già in altri paesi)a d una delle associazioni di volontariato presenti sul territorio, che fra l’altro hanno manifestato l’interesse di volersene occupare quotidianamente, tramite la sottoscrizione di una specifica convenzione“.

“A loro, espressione diretta dei cittadini lammaresi – dice Angelini – dovrebbe essere affidato il compito di tenere pulito ed in ordine la struttura cimiteriale (taglio erba, gestione rifiuti, controllo luci votive), attuare un regolamento, esercitare un controllo con precisi orari di apertura e di chiusura dei cancelli nelle ore notturne richiedendo, anche in via sperimentale, l’installazione di una telecamera al cancello principale“.

“Ma essendo un cimitero grande – conclude Angelini – rimangono sempre ottimi deterrenti sia l’utilizzo di materiali di scarso valore sulle tombe che la vigilanza da parte delle forze dell’ordine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.