Ricci (Fdi Capannori): “Negata la parola al nostro consigliere, Menesini intervenga”

Polemica dopo l'assise di mercoledì dopo l'intervento del capogruppo Pd Angelini

Polemica dopo il consiglio comunale di mercoledì a Capannori. Fratelli d’Italia, con il presidente del circolo locale, Paolo Ricci, difende il suo consigliere Matteo Petrini.

“Chi ha assistito al consiglio comunale di mercoledì sera – dice –  ha potuto ascoltare e vedere comportamenti arroganti e antidemocratici da parte del consigliere capogruppo del Pd Guido Angelini, distinguendosi per arroganza, superbia, mettendo in discussione il  parere di una persona autorevole come il segretario comunale e sovrastando il ruolo del presidente del Consiglio, volendo poi dare lezioni di vita al nostro consigliere Matteo Petrini, consigliandogli di “imparare a stare al mondo”. Dopo questi sproloqui invito il consigliere Angelini a lavorare solamente per il motivo per cui è stato eletto e per la carica che ricopre, ovvero il bene dei cittadini capannoresi, rispettando le regole e chi ha idee diverse dalle sue, perché l’opposizione rappresenta quella parte dei cittadini che non hanno votato per lui,

“Alla fine dell’intervento del signor Angelini – conclude Ricci – è stata negata la parola sempre al nostro consigliere Matteo Petrini. Chiedo al sindaco Luca Menesini di rimettere ordine in consiglio comunale: noi non ci fermeremo e ci batteremo per avere democrazia, libertà di parola e di espressione, che non possono essere negate a nessuno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.