Luna park ad Altopascio, Marchetti attacca l’amministrazione

Il consigliere comunale: "Piovuto in piazza all'improvviso senza che nessuno sapesse niente"

“D’improvviso, il luna park. Me lo son visto spuntare sostanzialmente tra le ruote dell’auto nel corso della giornata di ieri in piazza Aldo Moro, dove per l’appunto avevo parcheggiato. Peccato che nella Altopascio che tiene ancora i portoni del Comune chiusi e disincentiva le sagre storiche nessuno ne sapesse nulla. Non ho niente contro il luna park, ci mancherebbe, ma visto che a stamani non vedo ancora alcuna autorizzazione e che neppure i rappresentanti del Centro commerciale naturale ne sapevano nulla, allora mi pare un frutto della solita amministrazione di improvvisati patentati“: così Maurizio Marchetti, consigliere comunale altopascese di Insieme per Altopascio, circa l’installazione delle strutture per un luna park nel centro cittadino.

“A causa del coronavirus e delle misure anticontagio – ricorda Marchetti – purtroppo quest’anno i consueti festeggiamenti di luglio culminanti il 25 nella festa patronale sono saltati. Nel frattempo, il sindaco ha via via sconsigliato, disincentivato e di fatto inibito sagre paesane storiche come quella della polenta a Spianate e quella del cencio a Marginone, a cui l’amministrazione dopo quarant’anni suggerisce uno stop. In questo mese di luglio, baluardi della vitalità cittadina sono rimasti unicamente il cinema all’aperto che io stesso ho inaugurato anni fa e l’apertura serale dei negozi del Centro commerciale naturale il venerdì sera, tutta pensata, organizzata e finanziata da loro stessi”.

“E proprio loro – incalza Marchetti – ieri erano i più sbigottiti nel veder allestire il luna park di cui erano all’oscuro e di cui io stesso non ho trovato traccia autorizzativa. Io non contesto il luna park: contesto un’amministrazione che continua a tenere il Comune col portone chiuso e all’interno pochissime presenze, con interi uffici chiusi come detto altre volte. Come è possibile che Altopascio possa rialzare la testa e ripartire con sollievo se proprio il Comune tiene il freno a mano tirato anziché dare l’esempio? Sconsiglia ogni attività di rivitalizzazione e ripartenza, poi all’insaputa di tutti ecco il luna park. Questa è improvvisazione bella e buona, l’ennesima prova del resto ma ogni volta questo Pd riesce a superarsi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.