Sostegno a piccole attività colpite dal Covid, a Capannori si riapre il bando

Rimarrà aperto fino ad esaurimento fondi, che sono cumulabili con i contributi provenienti da altri enti

A Capannori riapre oggi (12 agosto) il bando, con una formula potenziata finalizzata al rilancio, a sostegno di piccole attività, micro imprese e centri commerciali naturali del territorio colpiti dalle conseguenze dell‘emergenza sanitaria.

La nuova azione promossa dall’amministrazione Menesini a sostegno del tessuto economico locale mette a disposizione complessivamente un fondo di 200mila euro e prevede due misure.

Con la prima misura, finanziata con 175 mila euro, si prevedono contributi per piccole attività, micro imprese, circoli privati autorizzati alla somministrazione di alimenti e bevande e soggetti associativi che esercitano attività commerciale, oltre che per le spese sostenute per adeguarsi alle misure sulla sicurezza anti Covid 19 (mascherine, dispositivi per protezione oculare, disinfettanti, sanificazioni) e per investimenti sull’innovazione, anche per le spese sostenute per attività di comunicazione, marketing e promozione per rilanciare il livello di domanda del mercato.

Il nuovo bando amplia la platea dei beneficiari essendo rivolto a tutte le attività che dal 1 marzo al 31 maggio hanno subito un calo di fatturato uguale o superiore al 20 per cemnto rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. Per le attività di recente avvio il requisito di accesso prevede che la perdita media mensile sostenuta dal 1 marzo al 31 maggio 2020 sia maggiore del 20 per cento rispetto al fatturato medio mensile ottenuto dall’inizio dell’attività.

I contributi sono previsti fino al 70 per cento, per un massimo di 500 euro, delle spese sostenute. Le spese devono essere sostenute nel periodo successivo alla pubblicazione del bando e risultate pagate alla data di invio della domanda di rimborso.

La seconda misura di sostegno prevede un plafond di 25 mila euro destinato ai Centri commerciali naturali del territorio, Capannori, Marlia, Segromigno in Monte, Segromigno in Piano, Guamo e Coselli e alle aggregazioni di attività per la realizzazione di eventi di animazione delle frazioni e promozione e valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti. In questo caso i contributi, sempre fino al 70 per cento delle spese sostenute, possono raggiungere un massimo di 5mila euro. Le spese per le quali si chiede il contributo possono già essere state sostenute o possono essere previste per attività da realizzarsi entro il 31 dicembre

“Con queste nuove misure vogliamo continuare ad essere vicini e a sostenere concretamente le numerose micro imprese del nostro territorio i centri commerciali naturali anche in questa momento in cui è cessata la fase acuta dell’emergenza, così come abbiamo fatto durante il lockdown e nella fase 2 – spiega l’assessore al commercio Serena Frediani-. Dopo gli aiuti per consentire la riapertura delle attività con la previsione di contributi destinati soprattutto alle spese per la sicurezza adesso c’è infatti bisogno di dare un’ulteriore spinta alla ripartenza per la quale è importante anche la promozione delle attività sotto varie forme. Inoltre vista l’importanza che i centri commerciali naturali rivestono per la nostra comunità abbiamo deciso di stanziare per questi un budget ad hoc per agevolarli nell’organizzazione di eventi di animazione dei paesi e di promozione dei tanti prodotti locali. Riteniamo questa un’opportunità importante per il tessuto commerciale di Capannori che auspico venga colta da numerose attività”.

I contributi previsti dal nuovo bando, che non ha un termine di scadenza ma rimarrà aperto fino ad esaurimento dei fondi e comunque non oltre il 31 dicembre, sono cumulabili con i contributi provenienti da altri enti, ma non con quelli già erogati dal Comune nello stesso ambito. Il bando ha la caratteristica ‘a sportello’, ciò significa che le istruttorie delle domande e i relativi atti di assegnazione e liquidazione saranno effettuati a cadenze periodiche mensili.

La domanda di contributo, redatta su apposito modello disponibile sul sito del Comune può essere presentata con le seguenti modalità: consegnata a mano al protocollo del Comune; inviata per Pec (posta elettronica certificata) all’indirizzo pg.comune.capannori.lu.it@cert.legalmail.it specificando nell’oggetto Bando rilancio imprese – Covid 19; per raccomandata con ricevuta di ritorno indirizzata a Comune di Capannori – Ufficio promozione del territorio, toponomastica e polo tecnologico, piazza Aldo Moro, 1 – 55012 Capannori (sulla busta va riportata la dicitura Bando rilancio imprese – Covid 19).

Per informazioni: promozione.territorio@comune.capannori.lu.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.