Menesini scrive a Conte: “Covid, test salivari veloci per bambini al più presto”

Il sindaco di Capannori chiede un sostegno anche per le famiglie

Test salivari veloci per bambini e fondi per le piccole imprese. Il sindaco di Capannori, Luca Menesini, scriverà al premier Giuseppe Conte.

“Domani mattina – afferma – manderò una lettera al capo del Governo per fargli presente due situazioni che oggi sono delle vere e proprie urgenze per i cittadini: la rapidità dei test e la non invasività degli stessi; il sostegno ai lavoratori non dipendenti che andrebbero in difficoltà economica se obbligati a stare in quarantena per la positività al Covid-19 del figlio.  Sono due elementi che, se risolti in tempi rapidi, rassicurerebbero le persone e rilasserebbero il clima in vista dell’inverno che, inutile non dirlo, sarà il periodo più complesso da gestire. Gli italiani hanno dimostrato di avere un grande senso di responsabilità e di solidarietà: i comportamenti corretti tenuti dalla maggioranza delle persone ha fatto sì che l’Italia oggi sia un modello riconosciuto a livello internazionale nella gestione dell’emergenza”.

“Un risultato che non ci deve far abbassare la guardia, anzi – insiste Menesini -. Ci deve spingere a continuare a fare bene, in modo da uscirne nel miglior modo possibile. Perché la situazione sia gestibile nelle prossime settimane è indispensabile che siano introdotti i test salivari per i bimbi più piccoli – la loro sperimentazione è in corso in alcune regioni italiane – in modo che si possono avere risposte veloci in merito alla positività o meno di un bimbo e in modo che il test possa essere anche ripetuto più volte, visto che tosse e raffreddore nel periodo invernale sono all’ordine del giorno. Oggi siamo nella situazione in cui per un bimbo con il raffreddore si paralizza la vita del bimbo e dei suoi contatti, spesso di intere classi e dei familiari, per circa 10 giorni: diciamolo, un tempo non sostenibile e – in vista dei mesi di dicembre e gennaio – assolutamente impensabile per la vita delle nostre comunità.  Il tampone, inoltre, risulta un po’ invasivo e pertanto ripeterlo per ogni sintomo simile al Covid-19 potrebbe creare un corto circuito al sistema di screening, utile invece a bloccare i possibili focolai sul nascere, soprattutto a scuola. Accanto a questo, c’è la questione degli aiuti a chi ha una piccola o media attività, a conduzione familiare o quasi, che ogni giorno ha paura di dover chiudere perché obbligati alla quarantena loro o il figlio. È una situazione non sostenibile, le persone non possono convivere così con l’ansia. Occorre pensare a misure di supporto per questa tipologia di lavoratori, che costituisce il tessuto delle nostre città e del nostro Paese. Bisogna dare velocemente un segnale su questo fronte, per dare anche a loro un po’ di serenità per affrontare i prossimi mesi. C’è bisogno, come istituzioni, di fare un passo ulteriore verso i cittadini in questo momento e penso che questi due elementi sarebbero aspetti molto importanti per ristabilire quel legame di fiducia indispensabile in un momento come quello che stiamo vivendo. Voglio essere fiducioso che saremo ascoltati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.