Nuovo decreto, Fornaciari: “Il governo non lasci soli i territori”

Il Comune di Porcari al lavoro per valutare provvedimenti di sostegno alle attività produttive

Il governo non lasci da soli i territori”. È questo l’appello lanciato dal sindaco di Porcari Leonardo Fornaciari dopo l’entrata in vigore dell’ultimo Dpcm.

“Gli enti locali fanno la loro parte e continueranno a farla anche nel fronteggiare questa seconda ondata, ma abbiamo bisogno di una risposta forte e chiara da parte del Governo. Ne va della tenuta sociale di tutto il paese. È necessario guardare a quello che sta succedendo senza perdere la razionalità: se ci sono le condizioni per nuovi indennizzi a fondo perduto che sostengano le attività penalizzate da questo nuovo semilockdown, che divengano operative da subito. Il rischio reale – osserva il primo cittadino di Porcari – è che mancate risposte oggi diventino tensione fuori controllo domani”.

“Sconcerta – prosegue Fornaciari – questa rabbia nella popolazione che in alcuni casi diviene negazione della pandemia. Eppure questo non è il momento delle divisioni ma del reciproco riconoscimento e rispetto. Le regole non sempre sono comprensibili, è vero. Soprattutto quando colpiscono senza distinguo, penalizzando anche i settori che in questi mesi di faticosa ripresa hanno dimostrato grande serietà. Ma potranno essere riviste solo se tutti faremo la nostra parte, adesso, nel rispettarle”.

“Il Comune di Porcari si è distinto, durante la prima ondata di Covid-19, per i 200mila euro di contributi a fondo perduto erogati, attraverso un bando, alle imprese del territorio che hanno dovuto chiudere la propria attività. Siamo già al lavoro per valutare provvedimenti simili che, se sommati a quelli che potrà mettere in campo il Governo, potranno offrire una risposta concreta a chi oggi ha paura, come e più di prima, di perdere il lavoro. Come sindaco – conclude Fornaciari – ho due priorità: la salute dei cittadini, della quale rispondo, e ancora una volta invito tutti a comportamenti responsabili; e l’affermazione del diritto al lavoro, fondamento costituzionale del nostro stare insieme come comunità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.